lunedì 21 novembre 2011

SPAGNA THE DAY AFTER

Ecco la foto di come si sveglia il Paese oggi. Azzurro PP. Una maggioranza schiacciante del los populares che si assicura la piu' ampia vittoria della sua storia ed una sconfitta del PSOE che assume i connotati di una vera catastrofe. Il fatto fosse prevedibile non aiuta affatto a renderla meno amara.




Unica consolazione (per me) e' l'aumento di 5 volte dei seggi di IU (Iziquierda Unida, sinistra piu' radicale) che passa dai due odierni ad ben 11 rappresentanti. Non so se attribuirlo a los indignados o no. Sicuramente ad un malumore forse piu' interno al PSOE.

Fatto sta che il PP ha una rappresentanza parlamentare con cui fara', forgive my french, il cazzo che vuole, il che e' preoccupante.

Mala tempora....at horizon !


Hasta pronto, killers!

Offhegoes lunedi 21/11/11

10 commenti:

MrJamesFord ha detto...

Prevedibile, purtroppo, anche se non pensavo sarebbe stata così netta.
Mi sa tanto che bisognerà tenere duro.

Ezzelino da Romano ha detto...

Prevedibile lo era ma non così pesante in effetti.
Però credete che ci sia davvero il rischio di un ritorno ad una destra fascista e machista?
Spero di no, mi pare che la Spagna abbia ormai maturato saldi anticorpi democratici.
E poi a me questo Rajoy sembra in primo luogo un democristianone vecchio stile, e in seconda battuta mi da l'idea di quel genere di politico che in presenza di una crisi non fa quasi nulla, confidando nel fatto che qualcosa si aggiusti da sè.
Però mi interessava il parere di Offhegoes sul punto.

Offhegoes ha detto...

Caro Ezzelino. Definire la destra spagnola fascista e machista e' forse eccessivo. Per quanto molti franchisti si nascondino (ancora!) nelle sue fila e nonostante le riforme di Zapatero (matrimonio fra gay) li abbiano tolto il sonno alla maggior parte dei popolari. Vedremo se faranno controriforme. Sara' la cartina di tornasole sulla vera faccia del PP.
Su Rajoy: e' un impresentabile che non sa neanche parlare castellano correttamente, sbiascicando quando parla. E' populista e tonto per davvero. Non capisco come sia stato possibile che arrivasse ai vertici del partito. Come Spagnolo adottivo mi vergogno che una simile persona rappresenti il paese all'estero. Certo venendo dall'Italia di prima e seconda repubblica ho molto pelo sullo stomaco su chi mi rappresenta. Su cosa fara'?? sicuramente tagliera' ovunque la spesa pubblica e amgari riforme del lavoro volte a favorire le imprese (licenziamenti piu' facili meno tasse etc...). Comunque preferisco temporeggiare. Aspetto cauto e giudichero i fatti. Certo che tra un paio d'anni ridero' in faccia a chi a votato PP pensando che avessero la bacchetta magica....

Stefania ha detto...

La cosa è preoccupante, certo, però bisognerebbe attenderne gli esiti ... mi accodo al pensiero di Offhegoes, e ti lascio uno dei miei soliti complimenti per l'argomento trattato, solo da te, che sei sveglio ed hai l'occhio attento! Comunque spero in una risoluzione non drastica! A presto ^__^

Francesco Zaffuto ha detto...

Quando Marx cominciò a parlare di socialismo partì dall'economia, dedicò tanta parte della sua vita alla stesura de "Il Capitale". Ancora oggi se vogliamo trovare qualche riflessione economica dobbiamo fare riferimento ai suoi scritti. Zapatero, e anche i nostri di sinistra, si occupano di tante cose (costume, cultura ecc ecc) ma di economia spesso sono digiuni. Nel nostro paese abbiamo avuto un Visco "uno dei pochi "economisti" di sinistra" inventò l'IRAP che andava a tassare il lavoro e addirittura le imprese che davano più lavoro. Chissà cosa aveva studiato!?
ciao
Si paga lo scotto di tanta

Francesco Zaffuto ha detto...

Quando Marx cominciò a parlare di socialismo partì dall'economia, dedicò tanta parte della sua vita alla stesura de "Il Capitale". Ancora oggi se vogliamo trovare qualche riflessione economica dobbiamo fare riferimento ai suoi scritti. Zapatero, e anche i nostri di sinistra, si occupano di tante cose (costume, cultura ecc ecc) ma di economia spesso sono digiuni. Nel nostro paese abbiamo avuto un Visco "uno dei pochi "economisti" di sinistra" inventò l'IRAP che andava a tassare il lavoro e addirittura le imprese che davano più lavoro. Chissà cosa aveva studiato!?
ciao
Si paga lo scotto di tanta

Ernest ha detto...

si abbastanza scontato purtroppo, credo che abbia pesato tanto l'astensione degli indignados. E l'eterno dilemma votare un governo di centro sinistra che per qualcuno ha fatto poco e poi fare l'opposizione o non votare e fare opposizione alla destra?!?

Anonimo ha detto...

Finalmente una buona notizia.
Olè

gianf

Sandra M. ha detto...

Anche da noi avevano i numeri per fare quel c**** che volevano....MAGARI ANCHE NO....

Hope...

Blackswan ha detto...

Una debacle annunciata,che al dì di valutazioni politiche che non ho le competenze per fare, farà ripiombare la Spagna dei diritti civili ad un Medioevo falangista.Ma quanto meno, in Spagna si è votato.Cosa che piacerebbe fare tanto anche a me, se in Italia non ci fosse una legge elettorale da bordello.