mercoledì 21 dicembre 2011

LOUIE LOUIE - THE KINGSMEN



Alla domanda " Qual è la canzone più importante della storia ? ", la stragrande maggioranza dei critici musicali risponderebbe senza esitazione :  Louie Louie , The Kingsmen, 1963. A partire da questa data nascerebbe il rock come ora lo conosciamo, ed è opinione di molti che in questa cover sgangherata ( perchè di cover si tratta ) comincino addirittura a intravedersi i germogli del punk. Louie Louie non è quindi solo una ( grande ) canzone, ma una sorta di calco, di matrice dalla quale prende avvio l'evoluzione della musica popolare. Ascoltatela e poi confrontatela con qualcuno a caso dei riff più famosi che conoscete, che avete ascoltato centinaia di volte nel corso di una vita senza farci caso, e troverete un'infinita linea di parentele con quel modulo primigenio. " You Really Got Me " dei Kinks, " With A Girl Like You " dei Troggs, "Smells Like Teen Spirit" dei Nirvana, per citarne alcuni, sembrano, con stili ovviamente diversi, figli della medesima madre. E non è un caso che si tratti anche di una delle canzoni più coverizzate di sempre ( sono più di 1200 le cover ufficiali ! ), come se per un rocker di razza eseguirla sia una sorta di ritorno al liquido amniotico o valga come un riconoscimento postumo di maternità.
Louie Louie venne scritta nel 1955 da Richard Berry, leader dei Pharaons, una misconosciuta band afroamericana che sbarcava il lunario suonando nelle sale da ballo. Leggenda vuole che dopo una serata andata malissimo, Berry si chiuse in camera e tentò di esorcizzare i fantasmi del fallimento. Buttò sulla carta due note di cha cha che una chitarra ripeteva all'infinito,  facendole accompagnare da un pianoforte, da qualche coretto e da una sezione fiati discretissima. Nessun assolo, nessun fronzolo, un testo di una banalità sconcertante: un marinaio racconta ad un barman di nome Lewis le sue pene d'amore, ma a causa del gran quantitativo d'alcol ingurgitato, biascica le parole e storpia il nome dell'interlocutore in Louie. I Pharaons incideranno la canzone nel 1957, senza però alcuna fortuna, visto che sarà un flop totale. Nel 1962, quattro ragazzi di Seattle, i Wailersritengono che la canzone, adeguatamente rimaneggiata, possa avere molte potenzialità. La reincidono, mettendo in primo piano la chitarra elettrica e accelerandone il ritmo. Il successo è buono, il brano passa spesso per le radio locali, ma non riesce a sfondare sul territorio nazionale. Poi, 1963, ci provano loro, i Kingsmen, una band di Portland alle prime armi. Entrano in sala di incisione con un budget di soli 36 dollari con l'intento di registrare proprio " Louie Louie " come lato A di un 45 giri. Irruvidiscono un pò i suoni, ci piazzano un assolo di chitarra, rendono più invasiva la sezione ritmica. Il risultato è una mezza schifezza : il brano sembra caotico, distorto, le note sono poco nitide e la voce è quasi inascoltabile.Visti i denari investiti, distribuisco comunque il 45 giri alle radio imprimendo sul lato A la parola " Prova ", sperando che il lato B faccia da traino ad un improbabile successo. Arnie Woo Woo Ginsburg , un dj della radio WMEX di Boston, passa per la prima volta la canzone un lunedì di ottobre del 1963, durante la sua rubrica  " Il peggior disco della settimana ".Qualche ora e le linee telefoniche della radio sono al collasso : tutti vogliono sapere come si chiama quel brano e chi è il gruppo che lo esegue. Succede così, che una stupida canzoncina sgraziata messa in onda per essere sbeffeggiata diventa nel giro di poche settimane un hit planetario.Cosa aveva di magico " Louie Louie " ? Era rumorosa, rabberciata in qualche modo, inconsapevolmente sporca e quindi, proprio per questo, alternativa, anticonvenzionale, trasgressiva. Se l'America conservatrice e bigotta già non guardava di buon occhio il nascente rock'n'roll, si sarebbe addirittura scandalizzata di fronte ad un brano così rozzo e primordiale. Insomma, un bel colpo al cuore ( e alle orecchie ) di mamma e papà. Ma c'è di più. Il testo della canzone era pressochè incomprensibile, il vocalist del gruppo, Jack Ely, più che cantare sembrava biascicare le parole. Colpa della pessima qualità della registazione, ovviamente.Tuttavia, nel giro di poco tempo, iniziò a circolare una strana leggenda metropolitana: il brano ascoltato a 33 o 78 giri avrebbe cioè diffuso messaggi subliminali. Non era vero, ma la gente ci credette.Così tanto che, a seguito di numerose proteste da parte di genitori inviperiti e di associazioni cattoliche, la canzone venne bandita da tutte le radio e l'FBI inziò a indagare sul gruppo e su quello stranissimo testo. Salvo poi archiviare il fascicolo per mancanza di prove: le parole della canzone non contenevano nessun messaggio, erano semplicemente "incomprensibili". Ma la miccia ormai era accessa, tutti volevano possedere il vinile e fu così che Louie Louie rese ricchi e famosi i Kingsmen. Alla faccia del povero Berry.

La versione originale di Richard Berry :


Quella dei Kingsmen : 



E la cover più rumorosa dei Clash: 


PS : per quello che può valere, dedico questo post a Joe Strummer. Domani, sono 9 anni che non c'è più.

Blackswan, mercoledì 21/12/2011

23 commenti:

Resto In Ascolto ha detto...

non male anche la cover di Iggy Pop!
bye

79deadman ha detto...

La canzone è un Must, credo addirittura che ci fu un vero e prorpio errore nel mixaggio della traccia della voce (ma non so se ricordo giusto) ... peccato che il gruppo in questo caso fosse veramente poca cosa (il resto del primo LP non è gran chè...) altro paio di maniche furono per esempio i Sonics: stesso background, stesso "nord-ovest" ma una carica e-s-a-g-e-r-a-t-a!!

P.S. sempre tante grazie per il tuo bell'articolo!

face ha detto...

bella anche la versione dei clash un classico direi:)

Zio Scriba ha detto...

Proprio oggi su un altro blog m'ero imbattuto in una bellissima frase di Joe Strummer che esortava a fare qualunque cosa, a smettere di seguire i nostri miseri binari.
E mi sono detto d'accordissimo con lui: basta ragliare come somari, è ora d'imparare a de-ragliare da quei cazzo di binari in cui ci vogliono costringere!!
Quindi mi unisco alla tua bella dedica.

La firma cangiante ha detto...

Per rimanere sul rumoroso anche i Motorhead hanno dato il loro contributo al pezzo.

PS: torna a trovarmi sul post Visioni 30, rimarrai a bocca aperta ;)

Rouge ha detto...

Louie Louie in una festa che si rispetti non può mancare. Versione Kingsmen ovviamente.

Massi ha detto...

Per tutte le volte che l'ho suonata e/o ascoltata m'è venuta la nausea,saranno anni che non la sentivo

Blackswan ha detto...

@ Resto in ascolto : La cover di Iggy è magnifica.E su youtube se ne trova anche una acustica.

@ 79deadman : i Sonics ! Fantastici !Veri serial killer garage ! Psycho!Woaw !

@ Face : Ottima, direi.Mi ricordo che quando comprai il primo ipod fu la prima canzone che caricai.Imperdibile :)

@ Zio : amo poco mitizzare le rockstar,ma come Strummer ce ne sono stati davvero pochi.

@ Firma : molto bella anche la versione del buon Lemmy.Che con quella vocina sa sempre regalare emozioni :) Ho visto e commentato sul tuo blog.Pazzesco ! :)

@ Rouge : Da Toga Party direi :)

@ Massi : per me è una di quelle canzoni che non smetterei mai di ascoltare.Quando passa per il mio stereo,di solito va in loop :)

Granduca di Moletania ha detto...

Nel periodo d'oro dello Slego di Rimini (disco alternativa) di Rimini, primi anni ottanta, questa era la canzone gradita da tutti: punk, new wavers, rockabilly, e altri strani soggetti.
La versione dei Kingsmen, naturalmente.

Per quanto riguarda Joe, tutte le parole sono state dette. Il dolore rimane e la mancanza si sente.
Ha allevato una generazione intera e meglio di così non poteva fare; adesso tocca a noi, non deluderlo.

The Clash: the only band that matter.

Elle ha detto...

Stavolta mi sento molto competente, conosco due versioni su tre, anche se non riesco a ricordarmi in quale musicassetta fosse inserita la canzone, era una compilation davvero datata.. nel senso che ero così bambina che nemmeno me la ricordo. La versione dei Clash invece devo averla sentita per aria.. radio o musica a palla dalle finestre del vicino, non ricordo.
Dei primi tre titoli che fai conoscevo solo quella dei Nirvana (naturalmente) ed è vero! non ci si fa caso, ma assomigliano a Louie Louie!!

Galadriel ha detto...

Negli anni ottanta aprimmo,mio marito ed io, un PUB vicino alla costa adriatica romagnola e avevamo installato un video jukebox(uno dei primi con multischermi installati per il locale)e questo pezzo era il più gettonato. Non ne ho un bel ricordo, mi ha massacrato le orecchie per un anno e sinceramente non riesco ad apprazzarlo. Riconosco comunque, che un brano che ha un scolto di questa portata qualcosa deve avere, anche di subliminale, che so una sequenza di note che toccano la nostra energia e ci fa provare piacere, o qualcosa di simile, perchè non si spiega così bene come abbia fatto un brano così brutto ad avere un successo tale. Sempre interessanti i tuoi articoli Black. Ti auguro felici feste e ti abbraccio.

Ezzelino da Romano ha detto...

Un must, in assoluto, e concordo nel dare la palma alla versione Kingsmen.
Sgangherata e sporca, bellissima.
Mi fa venire in mente John Belushi.
E mi fa venire in mente anche un altro flop poi diventato oggetto di culto, che è The Rocky Horror Picture Show.
Schifato da tutti nelle sale cinematografiche quando è uscito, poi recuperato nei circuiti di serie B per le proiezioni pomeridiane e lì diventato ciò che è ancora oggi.
Quanto a Strummer, un pensiero per un uomo libero e pulito e un abbraccio a tutti i suoi orfani, in primis il mio amico Blackswan.

Massi ha detto...

@Blackswan:Di solito le prime canzoni con cui ti rapporti quando inizi a suonare sul serio sono questa e Smoke On The Water e quando le senti e suoni per un numero di volte elevate all'infinito hai bisogno di disintossicarti per un bel pò

Ernest ha detto...

ottimo!

Sandra M. ha detto...

Santa paletta che ricordo mi hai stuzzicato: un'estate al mare, forse era il '63 perchè la versione è quella dei Kingsmen, con questo disco sempre sul piatto nel salone del bar della pensione "Ghirlandina" a Rivazzurra di Rimini (mia nonna faceva la cuoca)ed io mi sentivo moooolto importante e all'avanguardia, nei miei quasi 14 anni, a gestire i dischi in dotazione!
Un bel dono di natale questo ricordo.
Auguri di buone feste a te!

lozirion ha detto...

Ciaooooooooooooo!!!!!!!!!!! ^_^

Grande pezzo! L'originale come la versione dei Clash che ha sempre un sapore particolare, ma i Kingsmen hanno fatto un centro incredibile con questa!....

Aneddoto, questa è una delle 15 canzoni presenti nel mio primo cd misto, adesso ne faccio praticamente uno al giorno, ma il primo è sempre il primo, e questa c'era.... ^_^

Blackswan ha detto...

@ Granduca : temo che di delusioni al buon Joe ne abbiamo già date tante.La definizione di Lester Bangs è l'unica che conti qualcosa :)

@ Elle : colgo un non troppo velato riferimento al fatto che io sia mooooolto più anziano di te :)

@ Galadriel : credo che in un modo un pò contorto,abbia avuto successo proprio perchè grezzo e semplicissmo, ripetitivo ed energico, sporco ed emozionante.E' il dna del rock :)

@ ezzelino : beh, per chi ha visto Animal House almeno dieci volte, questa canzone è più di un Must :)

@ Massi : ti capisco Massi.Io quando vado in overdose di un pezzo,poi non lo ascolto più per mesi.Ma poi ricomincia l'overdose :)

@ Ernest : Oh Yeah ! :)

@ Sandra : Un bellismo ricordo ! Alla pensione Ghirlandina ci sarei venuto volentieri a farmi un frittino e ad ascoltare le tue compilation :)

@ Lozirion: santo ragazzo,ma mi sei sparito !! La prima compilation non si scorda mai !Meglio del primo bacio :)

Elle ha detto...

Come al solito quando cerco di essere breve e concisa faccio danni: "datata" era la mia compilation e in ogni caso "datata" nella mia cronologia di conoscenze musicali, una delle prime cose che ho sentito, così "prima" che non me la ricordo bene.
Non sei molto più vecchio di me, giuro!
:)

lozirion ha detto...

@Blackswan: Eh, hai ragione ragazzo! Periodo lavorativo mostruosamente intenso questo, però grazie a Dio da oggi si abbassano i ritmi.... ^_^

Blackswan ha detto...

@ Elle : salvata in corner per un soffio! Hai stoffa come difensore :)

@ Loziorion : bene! E' ora per un pò di meritato riposo! E ricordati che io e te abbiamo sempre una decina di birre da condividere :)

lozirion ha detto...

@Blackswan: Si, ALMENO una decina di birre.... ^_^ Non so quanto sei impegnato tra natale e capodanno, io se vuoi dal 28 al 30 lavoro quindi sono a Milano, se per caso tu hai la fortuna di essere a casa ci si può beccare in orario da aperitivo.... ^_^

Alligatore ha detto...

Adoro questo pezzo e per me la versione sguaiata, divertente, potente di Belushi e compagni in "Animal House" è insuperabile. Vado matto per quel film, anche perchè c'è "Louie, Louie" ...

Blackswan ha detto...

@ Lozirion : sarò in ferie solo il 27.Se non hai di meglio da fare,ti invito da me per una jam session musical-alcolica.Si mangia anche,vai tra :)

@Alli : un Film che adoro e che ovviamente,ogni tanto mi rivedo.Un vero mito 8 compresa la versione di Louie Louie )