mercoledì 30 maggio 2012

ABBIGLIAMENTO ESTIVO PER L'UFFICIO

Si è aperta ufficialmente la bella stagione, e cioè tre mesi di merda caratterizzati da zanzare ( la fottutissima zanzare tigre che veste i colori della juventus e caca il cazzo anche di giorno ), caldo porco, sudore a fontanella e notti insonni. In attesa di rivedere la bianca neve natalizia e godere di temperature più consone ai miei cromosomi di stirpe celtica, mi consolo pensando che il cazzismo che dilaga in me trova tuttavia una bellssima espressione estetica. E' arrivato infatti il momento di togliere dalla naftalina le  Rock T-Shirt, cavalli di battaglia del mio guardaroba estivo, a cui fanno buona compagnia la maglietta con la foto della Curva Nord e quella di mouriniana memoria su cui campeggia il memento: TITULI 3 ( Olè ! ). C'era un tempo, ero giovane e non abbastanza pirla, in cui credevo che il lavoro e la carriera avessero un senso : arrivavo in ufficio in tenuta pinguinesca e portavo giacca e cravatta sempre, con temperature da giungla tropicale e conseguenze a dir poco imbarazzanti ( avete presente di che colore diventa una camicia azzurra dopo mezz'ora di metropolitana nel mese di luglio ? ). Oggi, che le circostanze della vita mi hanno aperto gli occhi e considero le dodici ore di lavoro come una sorta di regime di semilibertà, mi vesto un pò come cazzo mi pare. O meglio, mi vesto nello stesso modo in cui mi vesto nella vita reale : jeans sdruciti, scarpe del tennis ( possibilmente ad un livello di puteolenza pestilenziale ) e Rock T-Shirt. Oggi, ad esempio, ne indosso una storica dei Violent Femmes, color verde pisello leghista. A parte l'inconveniente di dover spiegare ai colleghi che me lo chiedono chi cazzo siano i Violent Femmes ( da queste parti la cosa più punk che ascoltano è un live acustico di Laura Pausini ), mi sento molto fico e soddisfatto. Nè i miei capi hanno mai osato dirmi alcunchè rispetto al mio abbigliamento un filo bohemiennes, perchè se mai dovessero avere atteggiamenti ostativi, inizierebbero concentrandosi sulla zazzera cespugliforme o sulla barba incolta come un canneto al vento. Il che sarebbe troppo sbattimento anche per chi è nato al solo scopo di cagare il cazzo al prossimo. Tornando al mio guardaroba estivo, posso vantare un numero di magliette davvero cospicuo, che non perdo l'occasione di implementare comprandone di nuove ad ogni concerto. Insomma ne possiedo di ogni tipo e adatte alle più disparate occasioni. Ecco qualche esemplare:




Questa di Johnny Cash, ad esempio, è la più bella in assoluto. Mi piace pensare che l'uomo in nero abbia visto l'inferno con i propri occhi e abbia sfanculato così la morte. Perfetta per serate trasgressive ( torneo di briscola o non-stop di Trivial Pursuit ), derby visti con amici milanisti ( basta mostrare la maglietta e non c'è bisogno di esultare ) o per il casual friday aziendale ( giornata in cui nessuno si formalizza troppo davanti a un bel dito medio ).




Nonostante sia un pò zotico nei modi, mi riconosco tuttavia anche un certo stile. Pertanto, per gli appuntamenti più formali ( riunioni, cene aziendali, abboccamenti con l'ufficio del personale ) vado sul classico e opto per una delle due magliette dei Ramones. Sobrie, discrete, vintage ma senza spocchia, sono le preferite da chi ama vedermi vestito elegante ma con una punta di nonchalance.




Nell'eventualità di occasioni estreme ( ogni tipo di cerimonia, compresi corsi o congressi ), la scelta cade sul serissimo total black di questa maglietta dei Marlene Kuntz. Rigorosa, austera, quasi presbiteriana, è perfetta per fugaci apparizioni in chiesa durante i battesimi, e per contrite deambulazioni al seguito del feretro del caro estinto. Reperto di un concerto vissuto in prima fila al Carroponte di Sesto, è una delle preferite del lotto e ideale nel caso qualche stronzo fissi un seminario o un corso di formazione quando la temperatura va ben oltre i 25 gradi. 




Utile quanto mai durante gli abboccamenti con avvocati e controparti, questo splendido esemplare di maglietta System Of A Down la dice lunga sullo stato perennemente incazzato del mio umore aziendale e ha il merito di ricondurre tutti, ma proprio tutti, a più miti propositi. Perchè se è facile alzare la voce contro una giacca e una cravatta parlanti, viene un pò più diffilcile fare gli sboroni con un metallaro dal brusco cipiglio ( e la mano che cerca di afferrarti non tranquillizza affatto ). 

Blackswan, mercoledì 30/05/2012

16 commenti:

nella ha detto...

Ahahahahah, come avrei voluto scrivere io questo post, tu non lo crederai caro il mio Capitano! Non ho dubbi sulla quantità di magliette , ma sono certa io , forse solo di poco, sarei vincitrice!!!Qualcuna la amo così tanto che ho paura di sciuparla e la guardo senza metterla, altre non hanno più colore tanto sono state usate e poi ci sono i vari scomparti per autori, meglio che in una libreria.... Gran bel post, una leggera coloritura verde -acido mi si insinua in viso, ma mi trattengo subito... Non potrei mai avercela con te!!!! Standing ovation....

Roberto Paglia ha detto...

:D Un post spettacolare...
Ciao!

Mary ha detto...

Sto ridendo come una matta ! Ma grazie per averci aperto le porte del tuo armadio e di averci mostrato le tue amate T-SHIRT..so che sei geloso delle tue cose..ma la prima, quella di Johnny Cash, potresti prestarmela ?? In ufficio mi tornerebbe assai utile e anche in alcune situazioni fuori dall'ufficio ;)
La T-Shirt, sia in inverno che in estate, per me è un capo d'abbigliamento imprescindibile :)) Dovrei valutarne anche io una color verde pisello..sono mora, dovrebbe starmi bene :))

Harley Quinn ha detto...

Massima stima, ancora una volta! Anch'io ho tirato fuori le mie magliettine rockeggianti! E devo dire che le ho tirate fuori già a marzo (per proteggermi dal freddo, indossavo sotto una maglina a manica lunga, e sopra quella rock scelta per l'occasione). Al momento ho addosso la mia preferita in assoluto su tutte: Lynyrd Skynyrd con teschio. Tanta tanta roba. Il giorno del mio compleanno, invece, ho celebrato la mia nascita con quella dei Black Label Society, con croce capovolta \m/
Grazie per l'ispirazione, il mio prossimo post sarà sulle t-shirt rock :D

Massi ha detto...

Ha già debuttato la maglietta del nuovo tour dei Litfiba (ne ho una per ogni anno dal '90 fino a quella di qualche mese fa)anche se la mia preferita è quella col faccione di Hendrix, e confermo quella di Cash col dito medio è meglio di uno zampirone!!!

Cirano ha detto...

io a scuola ho già cominciato da un bel pezzo: Cure, Clash verde con stella rossa, Che Guevara.

cristiana2011 ha detto...

Non ci hai detto niente dell'intimo', inteso come mutande.
Cristiana

Zio Scriba ha detto...

Bellissime. Magari qualche giorno fotografo le mie, anche se non sono all'altezza di queste... :)

ElenaSole ha detto...

ecco, è quello che voglio fare un po' io, e proprio sabato al Discofrisco (Treviso), mi si è invirigolata sta voglia di rock T-shirt da mettere sottogiacca in ufficio, perchè se ancora mi prendono per adolescente causa aspetto giovanilissimo che ho, meglio nasconderla sotto-giacca e sfoderarla nei momenti di tensione. Però, haimè, non per ora non sono provvista...e allora mi adopererò ai prossimi concerti in programma: Cure a Alanis, venite a me!
Bellissimo post!!!

Ezzelino da Romano ha detto...

Eh eh, bello sto post.
Io invece sono un po' più legato al formalismo e quindi almeno in alcune occasioni devo impinguinarmi anche se non ne ho voglia.
Però, non essendo più uno sbarbato alle prime armi, se non ho obblighi precisi faccio un po' come mi pare e allora viene molto buona una tshirt di Jim Morrison, bellissima, regalatami a New York dalla mia fidanzata.
Bianca, con la foto color seppia, nome, date di nascita e di morte e sotto "an american poet".
Il custode dello studio non conosce i Doors, ovviamente, e quando l'ha vista mi ha chiesto "Chi l'è chel lì, l'è vun che el giuga al balun?"
Se no Iron Maiden Killers, con Eddie che brandisce sogghignante l'ascia sanguinolenta.
Fino al 2010 venivo spesso in studio con la maglia dell'Inter, ma ora non c'è più molto da festeggiare, damned...

Elle ha detto...

Bellissimo, per fortuna non l'ho letto ieri, altrimenti non avrei dormito dall'invidia! Quella dei Ramones nera la voglio anche io, mi starebbe benissimo, giuro, la metterei con la gonna anni Cinquanta è il sandalo tacco dodici.
Io al lavoro non ho mai avuto problemi, perché è difficile, terrificante in alcuni casi, insistere con uno Spirito. Insomma, ci hanno provato a dirmi di fare una lampada o di usare un buon correttore di occhiaie, ma quando reagisci con uno sguardo svampito che sembra dell'altro mondo, tutti girano i tacchi. Hanno provato anche a dirmi che non è bello presentarsi ai clienti con la camicetta frustata e macchiata, ma niente. Mi hanno anche regalato un ferro da stiro, ma niente.
Hai fatto benissimo a mettere da parte le camicie, non le hai buttate, vero? Mi regali i bottoni? Mi servono per le mie creazioni.. dicevo, hai fatto benissimo, bisogna essere coerenti con se stessi sempre, infatti non capisco la trapuntina a fiori che cazzo c'entra?

Blackswan ha detto...

@ Nella : cara mia Nella, mi sa che sarebbe davvero una bella battaglia :)Andiamo alla conta, dunque ! :))

@ Roberto : grazie mille, Roby :)

@ Mary : ti sto impacchettando la maglietta di Johnny Cash.Oh, però, dopo averla usata, me la restituisci, vero ? :)

@ Queen : le due magliette che hai citato te le invidio moltissimo.E ovviamente, cercherò di recuperarle :)

@ Massi : quella con il faccione di Hendrix ce l'ho.Perfetta per le serate di gala.:)

@ Cirano : avessi avuto io un professore come te :)

@ Cristiana : mutande ?? E chi porta le mutande ? :))

@ Zio : Non vedo l'ora di vedere la tua collezione :) E peraltro le mie foto fanno veramente pietà...

@ Elena : ci sono anche siti specializzati che te le mandano a casa.Ottimo servizio e costo più che accettabile.A breve, ne ordinerò una di Frank Zappa :)

@ Ezzelino : la maglietta di Morrison me la ricordo,bellissima.La maglia dell'Inter ? Intendi la seconda maglia.La prima non è tatuata sulla pelle ? :))

@ Elle : Ti mando bottoni, camicie e cravatte.Magari ne tiri fuori dei bei lavoretti :)

face ha detto...

che look !!!!io per il lavoro propendo per il look monnezza....:)

Massi ha detto...

@Blackswan: Anche quella che riproduce la copertina di the dark side of the moon ci sta bene

metiu (casalingo disperato) ha detto...

sì, ma io a questo punto voglio vedere la foto di quando andavi al lavoro pinguinato!!!
ah ah ah

Blackswan ha detto...

@ Face : siamo in due,allora :)

@ Massi : ci sta bene di maledetto,direi :)

@ Metiu : Le ho gettate tutte.metti che un giorno diventi una rockstar...rischiavo di sputtanarmi :)