giovedì 17 maggio 2012

UN DI' FELICE, ETEREA


Eccomi qui in Killerania , con qualche spesuccia da fare , mi servono luci particolari per la mia bicocca e intuivo che solo qui potevo trovarle. La scelta è stata lunga e difficile sia per la forma che per il colore, ma dopo una dolorosa gestazione , siamo riusciti nell'intento! Tra una scelta e l'altra , nell'attesa , mi è venuta in mente un'altra storiella. Quando dico luce, la prima cosa che evidenzio sono le candele , dalle candele alle candeline, e ieri 14 maggio , oltre al compleanno di mio padre e della mia nonna , era il compleanno di David Byrne! Ho scelto questa foto , senza nessun motivo, pur sapendo che ama molti generi musicali, compreso il classico e l'ho voluto ancor più vicino a me , con il tutù....Felici ricordi dell'ultimo suo tour in Italia! Devo fermarmi un attimo , quando parlo di David. Devo prendere respiro, perchè sono assalita da mille sensazioni, la mia è una passione fatta di amore -odio che dura da secoli. Una folgorazione fin dai tempi dei Talking Heads.Ieri questo straordinario musicista scozzese, che non ha mai abbandonato la sua nazionalità, ma dichiara di poter vivere solo a New York, spostandosi quasi sempre in bici( leggete Diari della bicicletta), ha compiuto i suoi primi 60 anni.Portati magnificamente , sparito un pochino il folletto di un tempo, ma non in certe sue mosse particolari che lo hanno sempre caraterizzato. Non voglio fare un'elegia all'arte di Byrne, perchè non saprei dove iniziare nè tantomeno dove finire. Ne amo la finezza, la genialità , il talento, l'inventiva , la duplicità, ma odio la sua parsimonia, l'opportunismo, la freddezza matematica, la sua tecnologia perfetta, il suo pedante perfezionismo. Tutto questo va mitigato dalla sua malattia, la sindrome di Asperger , una forma di grave autismo. A voi non importa nulla e avete ragione! L'Italia gli ha fatto già un grande regalo con la vittoria del David di Donatello per la canzone che dà anche titolo al film di Paolo Sorrentino" This Must Be the Place", lui abituato agli oscar insieme a Sakamoto per "L'ultimo Imperatore",e penso avrà indossato il suo sorriso migliore per mascherare la sua soddisfazione. Ma incomincio già a tergiversare e non arrivare al dunque. 

Nel 2004 il suo disco da promuovere  era " Grown Backward", una strana atmosfera tra l'orchestra d'archi. l'opera , e il suo solito suono particolare.Si era improvvisamente interstadito che cantando sotto la doccia, brani d'opera che amava molto, non vedeva nessun impedimento ad inserirli anche nella sua ultima fatica.Una tappa del tour era , per grazia ricevuta , proprio Genova , allora capitale della cultura europea.L'intoppo stava tutto nella pronuncia italiana di un pezzo d'opera estrapolata dalla traviata di Verdi " Un dì felice ed eterea..." Ora mi insegnate che la lingua italiana, per un inglese è la cosa più complessa del mondo anche dopo anni. Non tanto per la costruzione o le parole, ma per l'accento , che resta inconfondibile per secoli. David voleva essere perfetto (sic) e un mese prima del debutto, richiese una volonterosa persona che pazientemente , gli insegnasse bene le parole della canzone. La lista dei volontari era interminabile , ma io avevo la sfacciata fortuna di essere la più vicina come locazione, e , da buon scozzese , scelse quella che gli veniva a costare meno. Per inciso , io l'avrei fatto anche gratis, spese a mio carico!!! Alloggiava in un hotel di Cannes ( tanto per non dare nell'occhio l'Hotel des Anglais) e io mi vidi catapultata in una suite eccessiva, dove questo filiforme ometto mi aspettava tra una sigaretta e bricchi di caffè nero.Con sussiego mi offrì un caffè , che prontamente rifiutai, perchè ci crediate o meno , a me il caffè fa dormire, ma accettai la sigaretta che mi parve una Chesterfield senza filtro, da restare a gola secca per almeno due ore....Prese naturalmente le distanze dovute , col suo bel leggio e io col mio, testo a portata di occhiali e .. via col vento, non una frase in più. Non avevo , nè osavo avvicinarmi più di tanto, ma a tratti per rendere più fluide le correzioni, gli facevo notare il punto dove eravamo arrivati provocando una reazione immediata di timore. Mi consolava un po' la sua malattia, superata senza dubbio, ma queste reazioni le avevo già notate quando il pubblico si assiepava alla fine di un suo concerto , vicino al palco. Ogni metro in più dei fans era un metro in più di distanza per lui  e nel caso specifico, temevo andasse nell'altra stanza. Sarebbe stato arduo compito parlarci attraverso una porta! La mia devozione per lui, andò oltre e durante tutte le ore che trascorsi con lui, non udii altre parole che quelle riportate sopra! Il risultato delle lezioni? Ascoltatelo seguendo il pezzo che invio in allegato....Come premio? Oltre a una modesta paga, due biglietti omaggio per il concerto, e l'avermi "fregato " nel vero senso della parola , una foto di danza perchè tutta bianca, da inserire nell'interno di un suo disco , senza pagare  un soldo bucato, lasciando a me la paura di una penale per diritti di autore , che mi avrebbero fatto  sicuramente accedere a un mutuo!! Ma anche questa è musica.....



NELLA, giovedì 17/05/2012

11 commenti:

Blackswan ha detto...

Grande post, Nella, su un autore che in questo blog, purtroppo, ho un pò ( tanto ) trascurato. Grazie di cuore !

metiu (casalingo disperato) ha detto...

la canzone per il film di sorrentino me fa impazzì!
ciao a tutti, killers belli e brutti
:)

Legolas ha detto...

Un carissimo ed affettuoso saluto! Lunga vita e prosperità!

giacy.nta ha detto...

Che chicca! Una biografia in un post.
Ciao, carissima/i:)

Mary ha detto...

Bel post Nella..brava davvero ! I tuoi post mi catturano sempre :)
Un abbraccio

Galadriel ha detto...

Belle queste tue esperienze! Mi fai un po d'invidia, aver conosciuto questi personaggi, per me così intoccabili da dubitarne l'esistenza materiale. Grazie per aver condiviso con noi questa tua esperienza. Brava Nella.
Un abbraccio.

nella ha detto...

Per BLACKSWAN = non preoccuparti caro il mio Cavaliere Oscuro, penserò io a farti stufare del grande David! Per METIU = spero che la musica di Byrne ti renda più gradevole la tua permanenza sul divano...buon fine settimana , amico mio. Per LEGOLAS= grazie amico mio, ricambio di cuore! Per Giacy.nta= sempre amorevole la mia cara amica , ti ringrazio di cuore! Per MARY = adorabile MARY, sono molto felice di poterti interessare almeno un po' in queste esperienze di vita vissuta , un abbraccio! Per GALADRIEL = sono esperienze che la vita , a volte , ti porta a condividere, quindi caro amico mio , mai disperare...Grazie a voi tutti perchè mi permettete di poterle condividere , un grazie di cuore e un abbraccio!

Sandra M. ha detto...

Cavoli che esperienza. Lividissima invidia!!!

mr.Hyde ha detto...

'This Must Be The Place' è la mia preferita di Byrne,..bravissima Nella, torno a ripetere che questo interessante e divertente materiale lo puoi tranquillamente pubblicare, perchè proponi un lato insolito, piu' umano sia in senso negativo che positivo dei big che hai conosciuto.Originale!Un caro saluto.

Melinda ha detto...

Che esperienza Nella! Grazie per averci reso partecipi di questo ricordo speciale.
E complimenti! Ho ascoltato il video...è molto bravo, quindi il merito va all'insegnante :D

nella ha detto...

Per SANDRA = Sandria non devi essere invidiosa , guarda che spesso ho avuto delle cocentissime delusioni, perchè non tutte le ciambelle escono col buco..abbraccio! Per MR. HYDE = grazie dei tuoi sempre graditi complimenti, ma penso di non essere proprio in grado di mettere nero su bianco in un libro. Sono già tanto felice di poterle condividere con voi, perchè molte esperienze non le ricordavo neppure, e per accontentarvi le devo nuovamente mettere a fuoco...un abbraccio sentito! Per MELINDA = generosa e cara amica mia....il merito dell'insegnate ? Magari , io ho tentato di migliorare il suo italiano, ma la genialità e il coraggio di proporsi ion certe performances , spetta solo a lui... Bacio!