giovedì 12 luglio 2012

ROCK PILLS



JAPANDROIDS - CELEBRATION ROCK
Genere : Rock
Fuochi d'artificio all'inizio e alla fine del disco. Nel mezzo una eccitantissima tempesta sonora messa in piedi tramite otto canzoni di fragoroso e anfetaminico rock. Alla terza prova in studio, i Japandroids, canadesi originari di Vancouver, sfondano il muro del suono con impeto grezzo e primordiale, chitarre distortissime, ritmiche forsennate e il bel taglio melodico di ritornelli da cantare a squarciagola. Lo sanno questi signori che si può regolare il volume degli amplificatori ? Evidentemente, no. Ma è proprio questa ( consapevole ) rozzezza l'elemento più intrigante di un disco che, letteralmente, sferraglia per trentasei travolgenti minuti attraverso i sentieri di un rock senza compromessi. In bilico fra noise e lo-fi, fra pop-punk e power rock, i Japandroids citano un pò tutti : i Dream Syndicate nel titolo di The Nigts of Wine And Roses , i Gun Club nella chiassosa ( e azzeccatissima ) cover di For The Love Of Ivy,  e ancora i Foo Fighters e gli Husker Du. Eppure non resta mai nelle orecchie la sensazione appiccicosa di deja vu. Questi due ragazzi, ascolto dopo ascolto, trasmettono semmai l'impressione di avere uno stile personalissimo, tanto che Celebration Rock si candida di diritto quale  miglior disco rock del 2012. Provare per credere.
VOTO : 8
A PLACE TO BURY STRANGERS - WORSHIP
Genere : Noise Rock, Shoegaze, Electro Wave, Goth
Fuzz, feedback, distorsioni. E tanto, tanto rumore. Eppure, stranamente, Worship ( notare come la copertina ricordi molto da vicino quella del mitico album dei Quatermass ) è un disco molto più trattenuto dei precedenti, e il  noise rock alla Sonic Youth è mitigato da un bel taglio electro wave, che rende le undici canzoni del disco estremamente varie e ricche di suggestioni. Gli A Place To Bury Strangers ( che nome fantastico per una rock band ! ) vengono di New York e al loro terzo lavoro in studio sono ormai qualcosa in più della solita new sensation, stanno sulla bocca di tutti e sono quotidianamente osannati da critica e pubblico. Con buona ragione, vorrei aggiungere, dal momento che questi tre ragazzi ci sanno fare maledettamente bene. Per poter spiegare la loro musica si è fatto spesso riferimento a mostri sacri del calibro di Jesus & Mary Chains e My Bloody Valentine, ma più che allo shoegaze ( senz'altro presente ), i toni cupi e notturni, le chitarre effettate e la ritmica marziale mi fanno pensare a Worship come ad un disco di goth rumoroso. Molto più vicino ai Joy Division e a certe canzoni ossessive dei Cure, per intenderci. La tripletta iniziale ( Alone, You Are The One, Mind Control ) è tra le cose più interessanti di questo 2012, ma anche il resto del disco fila via, tra le tenebre, che è un piacere. Da riascoltare ai primi grigiori autunnali per sortire la massima resa depressiva.
VOTO : 7,5
THE SMASHING PUMPKINS - OCEANIA
Genere : Alternative Rock
Lo dico senza troppi giri di parole: avevo una paura fottuta che il nuovo disco di Billy Corgan, alias Smashing Pumpkins ( della vecchia line up è rimasto solo lui ) fosse una cagata tremenda. Oppure che, viste le ultime mediocri uscite, si svilissero ulteriormente i bei ricordi che mi legano alla band fin dai tempi del loro disco d'esordio, Gish. Invece mi sono dovuto ricredere, perchè Oceania, pur non essendo un capolavoro, è probabilmente il disco migliore da quell'inarrivabile gioiello del 1995 dal titolo Mellon Collie And The Infinite Sadness. Certo, mancano, e si sente, la chitarra di James Iha e il drumming suntuoso di Jimmy Chamberlin ( ma queste sono più che altro paturnie da nostalgico incallito ), e ogni tanto si ha l'impressione che il filo del discorso si faccia un tantino verboso. Eppure i comprimari al servizio di Corgan sono di tutto rispetto e se la cavano con ottimo affiatamento, mentre il livello compositivo delle canzoni si attesta su livelli medio alti. C'è un pò di tutto fra i solchi di Oceania : le architetture prog di Mellon Collie, gli umori grunge e hard rock degli esordi, un uso sapiente dell'elettronica e i consueti languori onirici. E soprattutto c'è l'inconfondibile timbro vocale di un Corgan che sembra essere tornato alla dirompente vitalità dei tempi d'oro. Con un pizzico di matura consapevolezza in più.

VOTO : 7
Blackswan, giovedì 12/07/2012 

10 commenti:

face ha detto...

concordo sui primi due il terzo non lo sentitoma ne faccio anche a meno.....

nella ha detto...

A differenza di Face ho solo sentito il terzo...la differenza l'ho captata, ma mi sembra un dignotoso prodotto! Ciao bel Capitano....

m4ry ha detto...

Per me, nell'ordine :

* A place to bury strangers ( il pezzo mi piace davvero molto )
* The smashing pumpkins
* Japandroids

Ciao :)

Overthewall91 ha detto...

sette all'ultimo degli smashing?!!!!!!!!mah, concordo con face, da evitare. Ho ascoltato solo quello dei japandroids, disco carino, ma un po' fiacco rispetto all'esordio. L'ultimo degli A place to bury strangers non l'ho ancora ascoltato, ma gli ultimi due album li ho adorati.

Elle ha detto...

E adesso chi me le toglie più le cuffie? Mi piacciono tutti e tre: i primi possono citare chi vogliono, ché tanto a me sembrano originali. I secondi possono avvicinarsi a chiunque, ed io continuerò a considerarli i soli. I terzi si possono smembrare a piacimento, se non cambiano nome non sarò certo io a dire che manca qualcosa. Degli Smashing Pumpkins mi piace anche la copertina.

stefanoSTRONG ha detto...

i Japandroids hanno tirato fuori davvero un album spettacolare, soprattutto quando lo senti da solo in macchina sull'autostrada urlando dietro i corettiù

A place to bury strangers non mi è piaciuto granchè

dagli smashing non mi aspettavo granchè ma qualcosa di buono c'è (alternato a pezzi mediocri)

lozirion ha detto...

Mamma mia che spettacolo i Japandroids! Com'è che sono già al terzo album e io non ne sapevo niente???? Spettacolari davvero....

Anche gli altri due, Billy Corgan compreso, ma i Japandroids li ho ascoltati 10 minuti e già sono scimmiato, grazie della dritta bro! ^_^

Blackswan ha detto...

@ Face : io cerco di ascoltare tutto, anche le cose prescindibili.Però il nuovo degli SP non è poi così male.

@ Nella : concordo con te: disco dignitosissimo :)

@ Mary : a me piacciono nell'ordine esatto in cui li ho inseriti :)

@ Overthewall : discussione già affrontata con il disco dei Van Halen.Alla fine sono voti ( che contano poco ) e opinioni ( che contano un pò di più ). Comunque, chi dei due ha ragione lo leggeremo solo nei libri di storia.

@ Elle : tu si che dai soddisfazione ! Sei come un commensale che apprezza la cena di un cuoco costata tanta fatica :))

@ Stefano : il binomi Japandroids macchina è perfetto ! Io li trovo perfetti anche per fare sport :)

@ Lozirion : non avevo dubbi che ti sarebbero piaciuti.Sono cazzutissimi e troppo rock'n'roll ;)

Adriano Maini ha detto...

Non conoscevo nessuno, in questo caso, ma li ho apprezzati tutti.

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

7 a oceania? da (ex) fan degli smashing pumpkins, purtroppo devo dire che il nuovo disco fa pena...