mercoledì 25 luglio 2012

SERJ TANKIAN – HARAKIRI

Genere : Alt Metal

A Serj Tankian si può perdonare tutto, anche di averci propinato nel 2010 l’insulsa versione sinfonica del suo primo album solista Elect The Dead o di aver partorito con l’ultimo Harakiri una delle copertine più brutte della storia e dell’universo. Il resto della sua carriera però è da applausi, a partire dall’impegno civile profuso per la causa armena e dall’ attivismo politico della sua Axis Of Justice, organizzazione non – profit di matrice dichiaratamente comunista sempre in prima linea nella lotta contro le disuguaglianze sociali. Ah, giusto, dimenticavo solo i System Of A Down, una delle band a cui il metal  deve essere riconoscente per quel momento di nuova e intensissima creatività che infiammò la prima metà degli anni zero , e che furono così originali da mischiare in un magma urticante nu e metalcore, pop e folklore armeno, rock e ballate caratterizzate da struggente malinconia. Tutti ingredienti che compaiono in questo nuovo album dell’incontenibile Tankian, i cui testi si fanno ancora più impegnati da un punto di vista sociale e politico ( con particolare attenzione alla causa ecologista ) e il metal sempre più variegato, cangiante e multiforme. Qui c’è un po’ tutto quello che c’era nel primo album di Tankian ( ma l’ispirazione è superiore ) e nei dischi dei Sistem Of A Down, e qualche ulteriore colpo di scena. Come ad esempio quando  nelle due interessanti ballate centrali ( Deafening Silence e Forget Me Knot ) il metal si veste di elettronica e di sfumate concessioni al dub. Il resto è una Cornucopia (come titola il primo brano del disco ) di suggestioni che non deluderanno i vecchi fans e che sapranno conquistare, considerato l’elevato contenuto melodico delle composizioni, anche l’attenzione di coloro che proprio metallari non sono.
VOTO : 7


Blackswan, mercoledì 25/07/2012

7 commenti:

SoloDinamo ha detto...

congratulazioni per il blog, francamente non lo conoscevo.
saluto.

m4ry ha detto...

In qualità di "non" metallara e di portatrice sana della sindrome dell' "orecchio sensibile" nelle primissime ore del mattino..dico che questo pezzo è una vera figata :)
Ora, non mi resta che ascoltare tutto il resto del disco, subito dopo essermelo procurato ovviamente :) Inoltre, chi associa alla musica o ad altre forme d'arte anche l'impegno sociale, beh, va assolutamente premiato.
Thanks for this new suggestion

ciku ha detto...

tankian ha una voce della madonna ma non ho nessun album suo in solitaria. cercherò di recuperare.

Ernest ha detto...

eh non lo conoscevo...

lozirion ha detto...

Bel post bro! Come sempre.... E grande Tankian! Il disco me lo sto ascoltando da qualche giorno e spacca davvero! Io poi adoro la sua voce.... Peccato per la copertina che è veramente inguardabile.... ^_^

Blackswan ha detto...

@ Solo Dinamo : grazie mille e grazie per essere passato :)

@ Mary : ti consiglerei anche tutti i dischi dei System Of A down, ma se non ami certa musica,forse è un pò troppo.Però almeno Toxicity è un disco che in una discografia che si rispetti non può mancare :)

@ Ciku : adoro anche io la sua bella voce nasale.Se vuoi approfondire, questo e il primo sono i migliori.

@ Lozirion : La copertina è un obbrobrio, il disco molto molto bello.E spacca, ovviamente:)

nella ha detto...

Col capo cosparso di cenere, confesso la mia più cupa ignoranza verso questo gentile signore.... Altra figura da chiodi sparsi.......