martedì 2 ottobre 2012

MUSE – THE 2ND LAW



GENERE : ?

C’era una volta, in un paese lontano appena uscito dallo tsunami Radiohead, una rock band che prometteva bene, molto bene. Si chiamavano Muse e giocavano con il romanticismo e la teatralità, elettrificavano e coloravano un’ipotesi sonora che attingeva dalla classica, dal rock progressive, da Jeff Buckley, dai Nirvana, creando così un curioso artificio che, con un affabulante volo pindarico, avremmo potuto definire barocco-punk rock. A cavallo degli anni zero, i Muse esordirono con un album che fece sbarluccicare gli occhi per lo stupore, e poi inanellarono una doppietta ( Origin Of Symmetry e Absolution ) che diede loro il successo planetario. La loro musica sembrava un filo ridondante e melodrammatica, eppure produceva nell’ascoltatore una considerevole fascinazione, grazie a una chitarra rumorosissima che prendeva a schiaffi reminiscenze operistiche.Poi, un brutto giorno, a cagione del grande successo commerciale e della convinzione di essere diventati onnipotenti, qualcosa cambiò. La musica si fece sempre più artificiosa, chili di elettronica ne imbolsirono lo slancio, e il barile della creatività all’improvviso si svuotò. Eppure, nessuno se ne accorse, continuarono a vendere dischi e a ottenere consensi a destra e a manca, forse perché il principe azzurro Matt Bellamy è talmente grazioso da far passare in secondo piano tutto il resto. Oggi, la favola Muse è finita, o almeno lo è artisticamente. Non siamo ai titoli di coda, di più: siamo usciti dal cinema e ci stiamo facendo una birra. The 2nd Love è un disco tanto brutto, che viene subito in mente ciò che Fantozzi diceva a proposito della corazzata Potemkin : è una cagata pazzesca !!! Si, perché le tredici canzoni che compongono la scaletta del cd ( l’ho ascoltato tre volte e ancora non mi sono ripreso ) sono un pasticcio senza capo né coda, nel quale un esasperato citazionismo viene piegato ai desiderata di un’architettura compositiva pasticciata e kitsch. Bellamy, evidentemente, è in confusione ormonale e non sa più che strada intraprendere. 





Ogni tanto fa il macho, infilando, qui e là, senza alcun costrutto, qualche energico riffone di chitarra, quel che basta a far battere le manine, chiudere le labbra a culo di gallina e far sospirare un “ Ooooohh, ma quanto sono rock questi Muse ! “. Dall’altro, credendosi evidentemente un redivivo Farinelli, tra un urletto e l’altro, gigioneggia in falsetto, è tutto un vezzo, una moina, una svenevolezza. Parte Supremacy e il gioco si svela da subito : schitarrata ( perchè ?), grancassa muscolare e tazzorra, a cui segue la brutta copia di Kashmir dei Led Zeppelin, e quindi una pletora di arrangiamenti sovrabbondanti che pasticciano un po’ con la canzone napoletana e un po’ con il western di morriconiana memoria. Quanto basta per non poterne già più. Quando arriva Madness ( siamo solo al secondo pezzo ), che sembra la cover elettronica e rallentata di un pezzo degli U2 ( prendiamone uno a caso, va bene I Still Haven’t Found What I’m Looking For ? ) ti domandi cosa hai fatto di male per patire una simile ingiuria. E il resto è anche peggio, tipo Prelude+ Survival, che smarona con un inizio melenso e pernicisissimo, per poi confluire nell’ennesima canzone del repertorio Muse che cita i Queen ( Flash Gordon ! ), arricchendoli con insulsi inserti da operetta. Il resto del cd è una sbullonata sequenza di barocchismi, dei quali, per amor di patria, ho tanto buon cuore da risparmiarvi la descrizione. Come scrivevo ieri sul blog dell’amico Cannibale che, con eccessiva benevolenza, aveva dato a The 2nd Law un 4,5, probabilmente questa schifezza meritava mezzo punto in meno. Poi, nottetempo, ci ho pensato un po’ su, e mi sono convinto che certi dischi, visto anche il consenso di pubblico che ottengono, devono essere bastonati per bene. Perché sono veri e propri attentati al gusto estetico e al patrimonio musicale dell’umanità.

VOTO : 2


Blackswan, martedì 02/10/2012

23 commenti:

Marco Goi - Cannibal Kid ha detto...

grazie per la citazione!
ultimamente mi si accusa troppo di essere buono, il che non va bene :)

secondo me una manciata di pezzi come madness e follow me non sono male e se avessero fatto un album tutto elettronico ne sarebbe uscito qualcosa di più interessante...

Beatrix Kiddo ha detto...

Ahi 2!Votaccio...sospettavo il rimbambimento dopo l'orrido inno delle Olimpiadi, ma una caduta così rovinosa no...

Overthewall91 ha detto...

Io ho provato ad ascoltarlo, ma non sono andata oltre il primo brano.

m4ry ha detto...

Cazzola...li hai proprio sbeffeggiati eh ??? E vai...si, in effetti ( e devo essere sincera ) il cd l'ho scaricato..e l'ho ascoltato due, tre volte..non mi piace granché e mi dispiace. Mi dispiace perché a me loro piacevano davvero tanto..li ho visti in concerto un pò di anni fa..non ricordo se nel 2006 0 2007..ed erano stati grandiosi ! Si soffre un pò quando un gruppo che ti piace ti delude..cerchi quasi di essere più indulgente e ti ripeti..mmm forse sono io che non riesco a cogliere qualcosa ?? Ecco, io questo disco non l'ho colto e ci sono anche alcune sonorità un po' troppo pompose per i miei gusti, come ad esempio questa di Survival..c'è di buono..che ho riso un bel po' nel leggere questo post ;)
Buona giornata !
P.S. Cacchio però..un 2 è un due...pesante eh ???

Irriverent Escapade ha detto...

Accidenti se ci sei andato giu' duro....
Non capisco pero' se tu avessi delle aspettative rispetto a questo disco o se fossi li, come una faina ad aspettare per colpire ed affondare ( ce ne vuole ad essere piu' cattivi, in un giudizio, del Fine Young Cannibal)...e' solo una curiosita'. Io credo, non mi sarei impegnata comunque nell'ascolto: sai com'e', ho gusti discutibili ;-)

Fed Zeppelin ha detto...

non saprei, a un primo ascolto a me non è dispiaciuto tantissimo, certo siamo ben lontani dai migliori, ma io al momento (che poi chissà, magari a fuoria di riascoltarlo rivedrò il mio parere) lo trovo migliore del precendente che non mi era piaciuto quasi per niente.

Fed Zeppelin ha detto...

AHìh leggendo i commenti sopra scopro di non essere l'unica ad aver pensato che la canzone olimpica facesse ribrezzo!

Ezzelino da Romano ha detto...

Ecco, al di là di questo album che non ho ancora sentito, a me questi hanno sempre dato l'idea di gente che vorrebbe essere grande.
Ma davvero grande, anzi grandissimi.
Solo che non gliela fanno.
La magniloquenza e le chitarre ad alto volume, purtroppo, non bastano.

Euterpe ha detto...

L'album non l'ho ancora sentito ma Survival era davvero bruttina , non so con che coraggio l'abbiano scelta come inno olimpico e con madness poco meglio.
Peccato perchè senza esgerare qualche buona canzone l'avevano fatta.

Baol ha detto...

E' la seconda recensione di questo tipo che leggo...che colpo al cuore per me

:(

Blackswan ha detto...

@ Marco : non c'è di che ! E non temere: rimani sempre un gran bacchettatore :)

@ Beatrix : il disco è tutto così: 'na robba teribile...

@ Ovethewall : avevo deciso di commentarlo, quindi l'ho ascoltato tutto più volte.Certo, è stata dura.

@ Mary : io li vidi dal vivo nel 2001 ed erano una bomba. Poi, piano piano, si sono ammuffiti.Che tristezza...

@ Irriverent : onestamente, ascolto i cd senza aspettative.Di solito, le ho solo per il boss, per il quale ho introdotto la duplice recensione: fans/personaobbiettiva :) Poi, essendo un essere umano con un vissuto e dei gusti, i miei post non hanno alcuna pretesa di assolutezza.

@ Fed : la canzone olimpica, diciamolo fuori dai denti, fa cagare. Il precedente l'ho trovato pessimo, ma, a mio avviso, questo lo batte.

@ Ezzelino : concordo su tutta la linea, bro. I primi tre dischi, però, facevano davvero ben sperare.

@ Euterpe : qualche buon pezzo nel repertorio c'è ( Muscle Museum su tutte ).Qui, siamo ai minimi storici.

@ Baol : mi spiace :( Spero di poter recensire bene il prossimo disco di tuo gradimento :)

Massi ha detto...

Non sei il primo che ne parla male,mi sa che ne starò alla larga. A proposito:mi sono dato ai Clash, vediamo se stavolta riesco a rivalutare sto punk

Elle ha detto...

Secondo me questa canzone sta bene in un film storico-fantastico, tipo la battaglia dei giganti. O degli gnomi. Insomma una battaglia.

nella ha detto...

Peccato!
Mi piacevano tanto!

Lady Left ha detto...

Ti prego, ti prego, ti prego... la mia ragazza ha comprato i biglietti per il concerto a Bologna, l'avrei uccisa (62euro???stiamo scherzando!!!), già non ne ho voglia e tu mi pubblichi questo??? E' un attentato alla mia pace coniugale ;P
(la penso esattamente come te, tra l'altro)

Blackswan ha detto...

@ Massi : stanne alla larghissima, è meglio :)

@ Elle : la battaglia l'ho fatta quando ho cercato di farmi restituire i soldi del cd :)

@ Nella : sorry, cara, ma questa è una vera ciofeca :)

@Lady Left : Azz...vabbè, per la pace coniugale, basta che dici che sono un pirla che non capisce nulla di musica. Per il concerto,invece,puoi sempre lamentare un malore dell'ultima ora: se reciti bene, sei in una botte di ferro :)

Massi ha detto...

@Blackswan: Ok

Baol ha detto...

Heheheheh è comunque sempre un piacere leggerti

Margherita Devalle e Marta Falcon ha detto...

Madness è un disastro, anzi un gioco direi, volevano fare un pò di casino, sperimentare, seguire con la voce un ritmo dubstep! Ma da qui a dissacrare l'intero cd secondo me è esagerato, follow me e animals le trovo davvero due canzoni ben fatte per esempio

Gabriele Pierattelli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gabriele Pierattelli ha detto...

Primo ascolto: delusione totale..voto 1

Secondo ascolto: beh, qualcosa si salva..voto 2

Terzo: no dai anche quest'altro pezzo non é poi male... voto 4

Quarto: alcuni brani belli, altri molto belli. voto 5

Decimo: molti molto belli, altri stupendi. voto 6.5

Ventesimo ascolto: Tranne pochi brani ALBUM OTTIMO Voto finale 8

Consiglio: ASCOLTATELO MOLTE VOLTE

Blackswan ha detto...

@ Gabriele : ci ho provato, ti assicuro, ma non riesco a mutare opinione.A mio avviso i ragazzi sono presi da un delirio di onnipotenza che li fa strafare.
Grazie per la visita :)

Gabriele Pierattelli ha detto...

@Blackswan rispetto la tua opinione ma credo solo che abbiano voluto sperimentare.
Il bassista lo dice chiaramente in una intervista recente. Stile Muse in generi diversi.

Certo é che anch'io preferivo di gran lunga lo stile epic-rock-glam-dubstep dei primi album.

In ogni caso stà vendendo un casino. Quindi piace