venerdì 30 novembre 2012

THE POGUES – IN PARIS ( 30th Anniversary Concert At The Olympia )




Per Shane Mac Gowan vale l’assunto che spesso ho utilizzato per spiegare l’esistenza in vita di un altro filibustiere del calibro di Keith Richards : li vediamo in televisione e sul palco, li pensiamo concreti, reali, ma in realtà sono ologrammi. Diversamente, sarebbe impossibile spiegare, senza trascendere nel mistico, come mai questo cialtrone d’un irlandese sia ancora tra noi a poetare di sbronze e di reietti. Mac Gowan non è stato sobrio un giorno della sua vita, probabilmente nemmeno un minuto. Si è bevuto di tutto, godendo peraltro come un matto nell’ostentarlo, ha sempre fumato come un turco in sala parto, e si è drogato di ogni sostanza psicotropa, con un’esiziale preferenza per l’eroina. L’amica del cuore, Sinead O’Connor lo dava per morto già dieci anni, quando, dopo un surreale concerto tenutosi sempre all’Olympia di Parigi, sboccò sul palco rendendo partecipi gli astanti dei resti della sua cena. Invece Shane, non si sa come e non si sa perché, è arrivato nell’anno del signore 2012, a festeggiare con il suo pubblico il trentennale di carriera dei Pogues. A dire il vero, il ragazzo ( 55 anni il prossimo Natale ) non sta benissimo, e lo si capisce fin dal primo sguardo : sale sul palco e sembra un puzzle, peraltro venuto male, fra Paolo Limiti e Joe Pesci. Occhialoni neri,  il volto gonfio e incorniciato da capelli tinti col succo di carota, Shane non cammina, semmai sciabatta ( peggio di lui ho visto solo deambulare Johnny Winter, un paio di anni fa, a Trezzo sull'Adda ) ; non sta in piedi, evita di cadere, abbarbicandosi all’asta del microfono; ma soprattutto non canta, biascica e farfuglia frasi all’apparenza incomprensibili ( l’atavico problema della dentatura inesistente ). Però, il suo fottuto orgoglio irlandese, lo tiene ancora aggrappato alla musica, ai suoi Pogues, a quello sferragliante punk-folk che diede un senso ai miei ( e forse ai vostri ) anni ’80, liberandomi dal male che le cianfrusaglie synth-pop facevano alle mie orecchie. La band ( Dio mio, quanto sono invecchiati anche loro ! ) ci da dentro che è un piacere, suona a memoria ed è sempre la stessa indemoniata, frenetica, alcolica giga ( il pogo incandescente sotto il palco non tradisce mai ). Shane se ne sta in piedi, la sigaretta accesa, lo sguardo perso nel vuoto, e ci prova. Non sempre ci riesce, ma talvolta è ancora capace di toccarci il cuore. Quando parte Dirty Old Town, ad esempio, lui è più intenso, più vero che mai. Così anche nell’immensa Thousand Are Sailing, che oggi suona più epica e struggente di venticinque anni fa. E non sbaglia un colpo nemmeno nell’ovvio, ma esaltante, finale costituito da Fairytale Of New York ( stravince per ko tecnico il duetto con Ella Finer ) e Fiesta. Due canzoni che da sempre ci raccontano cosa hanno rappresentato i Pogues e Shane Mac Gowan nei cuori di tanti indomiti e orgogliosi fan : questo è il cielo d’Irlanda che si specchia in un boccale di Guinness. Finchè ce n’è, si fa bisboccia.

VOTO : 7



Blackswan, venerdì 30/11/2012

10 commenti:

gioia ha detto...

Quanto mi piacciono. E questo pezzo poi, così nostalgico...

Der Graf von Mailand ha detto...

grandissimo e fottutissimo Shane!!

Adriano Maini ha detto...

Eh, be', consentimi di tornare a complimentarmi con te per la tua trascinante scrittura, sorvolando un attimo sulla musica!

Irriverent Escapade ha detto...

Beh , dopo tre rosse, a leggere di Shane , ci si sente in compagnia. In ottima compagnia.
Mentre ti leggevo mi è venuto in mente il.Caino di Davide van des Sfroos: io da sempre penso che per disegnarlo, Davide si sia ispirato al grandissimo Shane...e, confortata dal tuo post, oggi ne sono certa.
Bentornato Black...

mr.Hyde ha detto...

E' musica che risveglia la residua umanità che ci è rimasta. Anche il bel post..

m4ry ha detto...

Mi piacciono molto queste sonorità..mi trasmettono calore...l'Irlanda è nella mia do it list e presto o tardi (più presto che tardi ) prenderò un bell'aereo e ci andrò..certo, sarà un problema per la birra, perché la Guinness non mi riesce proprio di berla !
A presto !

Minerva ha detto...

"Mac Gowan non è stato sobrio un giorno della sua vita, probabilmente nemmeno un minuto. Si è bevuto di tutto, godendo peraltro come un matto nell’ostentarlo, ha sempre fumato come un turco in sala parto, e si è drogato di ogni sostanza psicotropa, con un’esiziale preferenza per l’eroina."
ROTF, lo penso sempre anche io! :-DDD

Blackswan ha detto...

@ Gioia : anche in me produce una bella sensazione di nostalgia :)

@ Der Graf : Shane tra i più grandi di sempre.

@ Adriano : sei sempre gentilissimo :)

@ Irriverent : non conosco il musicista che hai citato,da cui mi tengo lontano per motivi politici. Però, le tre rosse le condividerei volentieri :)

@ Mr Hyde : e tirar fuori la residua umanità non è cosa da poco, in questi tempi bui.

@ Mary : In Irlando si beve anche dell'ottima chiara e della splendida rossa.Parti pure serena :)

@ Minerva : ROTF mi mancava. Comunque, penso esattamente quello che pensi tu :)

Irriverent Escapade ha detto...

@Black: quando vuoi...così davanti alle rosse (beh, tu, davanti Alla rossa...ahah) mi spiegherai lo strano ostracismo per DvdS..

Enly ha detto...

I POQUES THE GREATS!!!!