mercoledì 20 febbraio 2013

NICK CAVE AND THE BAD SEEDS - PUSH THE SKY AWAY

Il rischio, quando ci si trova a recensire un disco di Nick Cave, è quello di prenderla alla lontana, come se ripercorrere il cammino tortuoso intrapreso da questo poliedrico artista (musicista, sceneggiatore e scrittore), fosse necessario a comprendere il senso di ogni sua opera. In realtà l'esercizio sarebbe inutile e stucchevole, dal momento che non esiste un filo logico che lega il rock anarcoide dei Birthday Party a un disco introspettivo come, ad esempio, No More Shall We Apart, nè una motivazione che giustifichi il passaggio dal progetto punk-noise dei Grinderman o dalla vivacità di Dig, Lazarus, Dig ! ( ultima prova a nome Bad Seeds ) alle atmosfere sommesse e quasi oniriche di questo Push The Sky Away. L'unica certezza è che Cave procede istintivamente, segue la passione del momento e vi si dedica anima e corpo, senza pianificare le tappe di un progetto che in realtà non esiste. Oggi, il rocker australiano è in palla per il cinema, scrive colonne sonore (Lawless, The Road) e sceneggiature, e condivide questa passione con Warren Ellis, l'influente "seme cattivo" con cui collabora ormai da tempo.(in coppia hanno rilasciato White Lunar nel 2009). Forse in questo modo si può spiegare il senso di Push The Sky Away, un album che suona come un concept dal fortissimo impatto visivo, che suggerisce ed evoca tramite immagini, quasi fosse un lungo piano sequenza in chiave rock. Non un disco semplice nè di facile assimilazione, ma un'opera che, come per un film refrattario al montaggio, richiede all'ascoltatore una predisposizione istintiva alla lentezza e all'elusione poetica.






Le nove canzoni che lo compongono hanno infatti un andamento sommesso, si muovono con passo felpato attraverso atmosfere spesso rarefatte, celando la propria crepuscolare bellezza nell'ipnotica omogeneità di suoni distanti dal "solito" Cave. Le melodie restano infatti sotto traccia, quasi si nascondono ai primi ascolti, per poi essere svelate in tutto il loro nitore da un particolare che inizialmente non era stato colto. Push The Sky Away ha bisogno, forse più di ogni altro disco di Cave, di continue attenzioni : come quando leggiamo una pagina di un romanzo che percepiamo ricca di contenuti, e che torniamo a rileggere più volte perchè la comprensione sia completa, definitiva. Così facendo, scopriamo che queste canzoni, ascolto dopo ascolto, nonostante gli scarni arrangiamenti e l'andamento all'apparenza monocorde, sanno coglierci di sorpresa ed scuoterci, all'improvviso, con le extrasistole di palpiti intensificatisi alla distanza. Silenzi e piene orchestrali, la voce profonda e umorale di Cave, il pulsare trip hop della sonnolenta We No Who U R, l'organo e le voci angeliche della title track, gli accenni di elettronica a convivere con arrangiamenti d'archi, gli echi sinistri dell'immensa Jubilee Street (qui Cave è ai suoi vertici compositivi), il lirismo straziante di Mermaids e i quasi otto minuti di Higgs Boson Blues, in cui il suono inquieto dei Bad Seeds torna a dialogare col ribollire del nostro sangue. Chi saprà avere pazienza e accetterà che lo scorrere del tempo sia metronomo delle proprie emozioni, riuscirà ad ottenere il massimo da Push The Sky Away. Che in senso assoluto non è un disco imprescindibile, ma in soggettiva può creare forte dipendenza.


VOTO : 8





Blacswan, mercoledì 20/02/2013

13 commenti:

Femmina Gaudente ha detto...

Ecchetedevodi' io lo amerei anche se cantasse il pulcino Pio.....

Badit ha detto...

Ed io ti faccio i complimenti per come scrivi di musica,in modo coinvolgente e con una indubbia "cultura musicale" che non annoia mai...ecchetedevodì te le vai cercando :)

poison ha detto...

Nick Cave è tornato? Oh, che splendida notizia che mi hai dato. Che è rimasto l'unico di cui ancora acquisto i CD a scatola chiusa.

Blackswan ha detto...

@ Femmina : probabilmente sarebbe molto bravo a cantare anche quell'obbrobrio :)

@ Badit : sono onorato del complimento:) ma a parte scrivere bene, cosa che non credo, mi rende felice riuscire a dare qualche suggerimento a chi ha la mia stessa passione :)

@ Poison : In realtà, il ragazzo, non se ne è mai andato.Ha fatto un sacco di altre cose fuori dai Bad Seeds. Il disco merita un altro acquisto a scatola chiusa.

gioia ha detto...

Cave è arrivato a me come un dono. In un momento speciale, in un luogo speciale. E al suo nome, si legheranno sempre ricordi di bellezza...

Blackswan ha detto...

@ Gioia : allora i tuoi gusti non sono poi tanto generici...:)))

Elle ha detto...

Ce l'ho :)
Fermo restando l'affetto totalmente introspettivo che mi lega a No More Shall We Part, Push The Sky Away fa già il suo effetto su di me esattamente nel modo che dici tu, a qualsiasi ora mi catapulta in atmosfere notturne che di monocorde non hanno davvero nulla.

George ha detto...

Lo adoro da sempre, qualsiasi cosa suoni canti Nick Caverna è da sentire.

Irriverent Escapade ha detto...

Oh oh oh ....io con Nick Cave ho un rapporto di mooolto altalenante. Tu, amico mio, hai confezionato benissimo un prodotto che sai non essere eccelso. Ma come " ha bisogno di attenzioni" ??? Nooo non posso ascoltare e ri-ascoltare un brano per capire che.è bello.
Ho l'impressione che tu abbia voluto non sentire tradite delle aspettative....che io, con Cave, non ho.
Dissento, direi. Anche se il packaging (soprattutto quello che hai messo in atto tu) è , al solito, ineccepibile :-)

Blackswan ha detto...

@ Elle : sapevo che avresti apprezzato :)

@ George : Nicola caverna ci ha dato sempre parecchie soddisfazioni :)

@ Irriverent : Cosa non ti è piaciuto in particolare ?;) A me il disco piace molto,eccome!

Irriverent Escapade ha detto...

@Black. Permettimi di discordare, quando dici che a capire immediatamente se un pezzo ci piace o meno, saremmo tutti Beethoven.
Sai benissimo che non lo sono ma, ti assicuro che se una cosa non mi colpisce immwdiatamente, difficile che mi.folgori in seguito.
Tu hai dato 8 a questo album. .Voto mooolto alto: e ho capito che ti è piaciuto. Io non ti ho detto che ne farei materiale per il compost ma che, semplicemente non l'ho trovato eccelso nel complesso (l'ho ascoltato...)

metiu (scappato di casa) ha detto...

ecco, confesso che nick cave è uno dei miei grandi baratri, nel senso che lo conosco poco.
devo rimediare, a quanto leggo.
ciao black

Adriano Maini ha detto...

Un'altra tua recensione che si fonde alla perfezione con il soggetto.