venerdì 12 aprile 2013

JO NESBO - IL CACCIATORE DI TESTE


A Roger Brown non manca niente. È intelligente. È ricco. Ha una moglie da paura. Un lavoro ufficiale come cacciatore di teste. E un hobby segreto, i furti d’arte. All’inaugurazione di una mostra gli presentano Clas Greve, che non è il candidato perfetto per l’assunzione di cui Roger si sta occupando, ma è il proprietario di una delle piú desiderabili opere d’arte di sempre. La lampadina si accende dentro la testa di Roger. Ecco il modo per diventare molto ma molto piú ricco di quanto non abbia mai osato immaginare. Il colpo comincia a prendere forma. Insieme ai guai, però. E, tempo un secondo, da cacciatore Roger si trasforma in preda…


Jo Nesbo torna in libreria  con un romanzo scritto nel 2008 in uscita solo adesso in Italia. Se si eccettuano i due libri per ragazzi usciti qualche anno fa, Il Cacciatore Di Teste è una novita assoluta per il pubblico italiano, dal momento che è il primo libro del giallista norvegese che non ha come protagonista Harry Hole a essere pubblicato nel nostro paese. Non solo, ma Roger Brown, personaggio principale del romanzo, è quanto di più lontano possa esistere dal poliziotto tormentato e leale che avevamo imparato ad amare : arrivista, presuntuoso, privo di scrupoli, insomma un figlio di puttana fatto e finito.Tanto che si fa fatica, e non poco, a entrare in sintonia col personaggio, che da un lato affascina per la logica deduttiva dei ragionamenti e per l'abilità con cui si smarca dalle situazioni critiche, ma dall'altro ci disgusta per la totale mancanza di dirittura morale. Questo aspetto non è necessariamente un male : una buona trama gialla resta tale anche se risulta impossibile parteggiare per uno dei personaggi (e in queste pagine non se ne trova uno che possieda la benchè minima connotazione positiva). Ciò che conta sono il ritmo, i colpi di scena e la scrittura, aspetti nei quali, anche in questo frangente, Nesbo si conferma un maestro. Tuttavia, Il Cacciatore Di Teste (che nonostante tutto si legge d'un fiato, ve lo assicuro), mi pare l'opera più debole pubblicata fino a oggi dal norvegese. L'impressione è quella di un intreccio poco verosimile, in cui gli snodi narrativi e le motivazioni dei protagonisti vengono artatamente forzati per dare un senso a un insieme che alla fine risulta plausibile ma non certo convincente. Forse è proprio per spostare l'attenzione da una "sceneggiatura" deboluccia che Nesbo si concede più di un voyeurismo splatter, si concentra su deiezioni, sangue e budella, si accanisce su corpi matoriati, sfoggia un gusto per il macabro davvero inusitato. Così, nonostante l'ottima idea di partenza, una volta chiuso il libro si rimane con la fastidiosa sensazione di non aver letto un buon thriller ma di aver guardato una puntata di CSI: una fredda sfilza di deduzioni investigative artificiosamente messe in fila per arrivare alla scoperta di un colpevole di cui alla fine non ci importa nulla.Troppo sangue e poco pathos. Aridatece Harry Hole.

10 commenti:

poison ha detto...

allora mi sa che lascerò perdere. io continuo a sperare che prima o poi si decidano a pubblicare anche qua i primi due volumi con protagonista harry hole.

Ernest ha detto...

mi manca...

Nico Donvito ha detto...

L'inizio forse non eccezionale, poi la storia procede bene... a me è piaciuto abbastanza Roger Brown come personaggio. Io gli ho dato un 7 :)

Blackswan ha detto...

@ Poison : a mio avviso, fai bene. I libri con Harry Hole sono un'altra cosa.

@ Ernest : non è indispensabile ;)

@ Nico : che regga non ci sono dubbi. Come ho scritto, Nesbo è un consumato scrittore.Ma la storia l'ho trovato assolutamente inverosimile. Questione di gusti, ovviamente.:)

MrJamesFord ha detto...

Sarà una delle mie prossime letture.
Spero non mi faccia rimpiangere troppo Hole.

Blackswan ha detto...

@ Mrjamesford :lo spero, ma se tanto mi da tanto, visto la nostra comune passione per Hole, temo che resterai deluso.

Elle ha detto...

Deboluccio e stiracchiato? Allora assomiglia un po' troppo ai primi due romanzi con Harry Hole, quelli non usciti in Italia.. penso che Nesbo dovesse esercitarsi un po', prima di arrivare all'Harry che conosciamo in Italia, nessuno si perde niente se non legge i primi due (quindi io non leggerò questo fuori percorso, perché ciò che hai scritto tu mi ricorda troppo quei due primi).

El_Gae ha detto...

Mi sono imposto una pausa da Jo Nesbo. Questo tizio è una specie di droga. Anche se, senza Hole... :(

Blackswan ha detto...

@ Elle : i primi due non li ho letti e non saprei dire. Questo è davvero così così...

@ El gae : concordo. I libri con harry Hole sono come le ciliegie :)

Anonimo ha detto...

Excellent goods from you, man. I have understand your stuff previous to and you're just too wonderful. I really like what you have acquired here, really like what you are stating and the way in which you say it. You make it enjoyable and you still care for to keep it smart. I can not wait to read far more from you. This is actually a wonderful site.

Feel free to visit my page: ingrown hairs (www.ec-mp.org)