giovedì 11 luglio 2013

JOEL DICKER - LA VERITA' SUL CASO HARRY QUEBERT




Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito. Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Quebert, uno degli scrittori più stimati d'America, viene accusato i avere ucciso la giovane Nola Kellergan. Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell'oceano. Convinto dell'innocenza di Harry Ouebert, Marcus Goldman abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta. Marcus, dopo oltre trentanni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso Nola Kellergan? E, naturalmente, deve scrivere un romanzo di grande successo.


DIECI MOTIVI PER NON LEGGERE LA VERITA' SUL CASO HARRY QUEBERT (OVVERO PERCHE' FUGGIRE DAL CAPOLAVORO CHE VI CAMBIERA' LA VITA)

1) Perchè quando avrete finito il libro, vi troverete a gestire un lutto di difficilissima rielaborazione. I funerali costano un fottio e Joel Dicker vi mancherà come un fratello.
2) Perchè quando avrete finito il libro, troverete pleonastica, inutile e financo fastidiosa qualsiasi altra lettura, Gazzetta dello Sport seduti sulla tazza, compresa.
3) Perchè anche se i più grandi scrittori di thriller, e penso a Nesbo, Winslow e King, unissero le proprie forze per partorire un romanzo in comune, a Joel Dicker non riuscirebbero nemmeno a lucidare le scarpe. Un vero disastro, per il mondo del noir.
4) Perchè è certo che finirete anche voi per innamorarvi di Nola Kellergan, e a quel punto il rischio è che si finisca per essere in troppi.
5) Perchè ottocento pagine fitte di colpi di scena senza soluzione di continuità produrranno un danno irreversibile per le coronarie, soprattutto dopo che si è superata una certa età.
6) Perchè in questo libro non c'è una pagina che racconti la verità, non c'è una finzione che non appaia reale e non c'è una realtà che non vorresti fosse finzione. Risolvetelo 'sto maledetto casino, se siete capaci.
7) Perchè gli amori impossibili sono eterni e quelli possibili terribilmente noiosi. Molto meglio non doverlo scoprire, soprattutto dopo che si è superata una certa età.
8) Perchè La verità Sul Caso Harry Quebert è soprattutto un libro che racconta la passione per la scrittura. Pertanto, quando lo finirete vi verrà voglia di scrivere un romanzo. Mettetevi in fila, però : sono arrivato prima io.
9) Perchè ve lo venderanno come il best-seller dell'estate, ma quando avrete letto l'ultima pagina vi rendere conto che la vostra estate nemmeno è iniziata: sono passate al massimo 48 ore.
10) Perchè in queste 48 ore nel vostro cervello imperverserà un piccolo, fottutissimo tarlo che come un indemoniato ripeterà in loop: chi cazzo ha ucciso Nola Kellergan ?

Se adesso volete conoscere i dieci motivi per cui leggere La Verità Sul Caso Harry Quebert, cliccate QUI.

Blackswan, giovedì 11/07/2013

12 commenti:

poison ha detto...

ne ho letto bene un po' ovunque.
E, nonostante io tenda a stare lontana dai "best-seller" e le 800 pagine mi mettono sempre un po' di timore, temo che finirò per cedere.

bella questa accoppiata!

Nico Donvito ha detto...

Ce l'ho, devo anch'io trovare il tempo per le 800 pagine; ma se ne parla davvero bene, devo leggerlo!!!

Badit ha detto...

Ci mancava solo questo "tarlo"...!!!

Galadriel ha detto...

Appena acquistato su "ibis Libri"
a 16,00 €. Grazie Nick sei un grande convinceresti il papa a comprare il libretto rosso di Mao.
Ciao un abbraccio forte.

qualcosascrivo ha detto...

Dicker ormai dovrebbe staccarci un assegno ;)

Nicolas F. ha detto...

Un'associazione a delinquere la vostra? Vi manda Bompiani? Convincereste probabilmente anche un analfabeta!

Lila ha detto...

Non è esattamente una lettura da sotto l'ombrellone però ho deciso che lo voglio!!

gioia ha detto...

"Perchè gli amori impossibili sono eterni e quelli possibili terribilmente noiosi"...condivido e sottoscrivo.
Ma forse dovremmo chiederci perchè... :(

Ade ha detto...

Mi avete fatto venire voglia di leggerlo IMMEDIATAMENTE!

Lady Left ha detto...

Ecco, io cerco di non trovare libri da comprare tenendomi alla larga dalle librerie e appena guardo il tuo blog tutti i miei buoni propositi di risparmio vanno a farsi benedire :D
Grazie per avermi dato una nuova, magnifica scusa per sputtanarmi lo stipendio che mi arriva proprio domani :)

Blackswan ha detto...

@ Lady left : sono certo che lo stipendio sarà ben investito.:)

Charlie Brown ha detto...

Dovevo darti retta!!!

Non dovevo leggerlo!!!

adesso cosa farò per il resto dell'estate???