domenica 9 marzo 2014

JOHN BUTLER TRIO – FLESH + BLOOD




In Australia (nazione da cui proviene la band, anche se il leader è californiano d’origine) e negli States, John Butler è un nome importante, uno di quelli che quando parte in tour fa il pienone ovunque. Questi tre ragazzi, infatti, sono una delle jam band più eccitanti oggi in circolazione: un ottimo repertorio di canzoni alle spalle e un bagaglio tecnico da navigati lupi di mare, che sul palco si sbriglia in tutto il suo fascinoso eclettismo. Basterebbe recuperare il doppio cd + dvd, Live At Red Rocks, uscito nel 2011, per rendersi conto della caratura del gruppo e di quanto siano coinvolgenti le sue performance dal vivo. Oltre al titolare della ditta (bella voce dalle nervature soul e uno stile chitarristico che non ha nulla da invidiare ai più grandi), la band è composta anche dal batterista Nicky Bomba (un nome, un programma), mentre il basso lo martella Byron Luiters, che è un fenomeno vero, uno di quelli che ti chiedi perché non viva nell’Olimpo degli dei del rock. Flesh + Blood, il loro sesto album in studio, uscito a ben quattro anni di distanza dal lavoro precedente, April Uprising, dimostra per l’ennesima volta che i ragazzi ci sanno fare, scrivono buone canzoni, alternando ballate introspettive (Young And Wild, Wings Are Wild) a robusti ed energici rock sempre screziati di funk (Higher, Devil Woman), e passando da brani più intensi e strutturati (la bellissima Bullet Girl) ad altri più leggeri e dotati di appeal radiofonico (Cold Wind, che suona come un outtake da uno degli ultimi dischi dei Red Hot Chili Peppers, e Only One). Insomma, decisamente un bel minestrone di generi e suggestioni che, se è certo non finirà nel novero degli album imprescindibili del 2014, possiede tuttavia l’indubbio merito di divertire l’ascoltatore con sessanta minuti di musica di buona qualità. Magari, come suggerito dallo stesso Butler, ascoltandolo durante un viaggio, in cui l’alternanza del passaggio circostante ben si sposa all’eterogeneità della scaletta. Appare evidente, tuttavia, che chi non conosce il gruppo e non ha mai visto una delle loro pirotecniche esibizioni live, non sarà certo con Flesh + Blood che partirà alla scoperta della loro discografia. Per converso, basterebbe vederli anche una sola volta dal vivo (quest’estate saranno in Italia, il 15 luglio, al Carroponte di Sesto San Giovanni) per innamorarsene perdutamente.

VOTO: 6,5





Blackswan, domenica 09/03/2014

3 commenti:

gioia ha detto...

Sono andata a spulciare, non li consocevo.
Bullet girl, bellissima... :)

Irriverent Escapade ha detto...

Mi son segnata l'appuntamento al Carroponte.....a proposito, eri fra i soldout per Joe Bonamassa sabato?

Blackswan ha detto...

@ Gioia :mi fa piacere che ti siano piaciuti :)

@ Irriverent : Ahimè, no. arrivato troppo in ritardo. Ma in questo periodo va così: faccio fatica a mettere insieme la mattina con il pomeriggio :)