sabato 19 luglio 2014

EVA CANTARELLA – PERFINO CATONE SCRIVEVA RICETTE




Come frequentare la cultura dei greci e dei romani, in un'epoca di polverizzate nozioni e di frantumate informazioni? Eva Cantarella, che ha intrapreso da una decina d'anni un'opera di appassionata e intelligente divulgazione, sembra rispondere che la frantumazione non lavora necessariamente contro la conoscenza. E dunque abilmente seziona, isola in micro racconti un mondo altrimenti confinato nei testi accademici: attinge al materiale immenso dei suoi studi e delle sue predilezioni per consegnarci il mosaico della vita degli antichi, con l'intento dichiarato di farceli sentire "nostri contemporanei". Come vivevano, greci e romani, i sentimenti dentro e fuori la famiglia? Com'era organizzato l'istituto famigliare? A quali immagini affidavano la loro identità? La cucina andava di moda a Roma come da noi? Procedendo per segmenti, per narrazioni, aneddoti, considerazioni morali e politiche, Eva Cantarella ci svela i più diversi aspetti della vita pubblica e privata nell'antichità classica: cibo e banchetti, bellezza e cura del corpo, giochi e sport, superstizione e magia, politica e diritto, nascita e morte. Questi frammenti di vita vissuta offrono il ritratto vivo e palpitante di uomini e donne a noi vertiginosamente vicini, i cui sogni, paure, speranze, aspettative, desideri sono spesso gli stessi che attraversano la mente e il cuore di noi che li guardiamo da una distanza di quasi duemila anni.

Eva Cantarella, per chi non lo sapesse, è una delle più autorevoli latiniste e greciste di sempre. Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Romano all’Università Statale di Milano per una ventina d’anni, ha fatto parte della commissione di laurea che secoli fa (mi sono laureato giovane ;)) benedisse il mio corso di studi universitari regalando, è proprio il caso di dirlo, otto punti otto alla mia tesi sulla figura del liberto. E’ chiaro che da quel giorno, per una sorta di riconoscenza e per un’istintiva simpatia verso la persona, non mi sono perso un suo libro (e ne ha scritti circa una ventina, alcuni davvero imperdibili: cito per tutti I Supplizi Capitali In Grecia e a Roma). Non pensiate però che si tratti solo di saggi per addetti ai lavori. Eva Cantarella infatti ha spesso concentrato la propria attenzione su quegli aspetti della storia, della cultura, della vita pubblica e privata di romani e greci, che possono suscitare interesse in tutti coloro che sono semplicemente appassionati di Storia. Scritti in modo semplice e chiarissimo, ricchi di aneddoti o riferimenti mitologici che alleggeriscono la narrazione, questi libri, di cui Persino Catone Scriveva Ricette è un esempio lampante, riescono a trasmettere integro il fascino di un periodo storico lontanissimo da noi eppure, per certi versi, linguistici e culturali, incredibilmente attuale. Nonostante il titolo che ammicca furbescamente al boom mediatico che oggi giorno hanno i programmi di cucina, la parte dedicata alle abitudini culinarie degli antichi è circoscritta solo a qualche pagina. Il libro, infatti, è strutturato in brevi capitoli e agili racconti che toccano argomenti tra i più disparati, dalla sessualità alla cura del corpo, dai supplizi alla morale, restituendoci con vivida intensità personaggi, storie e miti che la nostra memoria ha probabilmente relegato agli anni delle scuole superiori. Ed è proprio questa la grande suggestione di Persino Catone Scriveva Ricette: ritrovarsi d’incanto su banchi del liceo a rivivere quelle suggestioni formative che hanno contribuito a renderci ciò che oggi siamo. Consigliato a coloro che anche sotto l’ombrellone preferiscono portarsi letture di qualità.


Blackswa, sabato 19/07/2014

4 commenti:

Costantino ha detto...

Eva Cantarella, e non credo sia una omonimia, è stata la mia professoressa di diritto greco alla Università Statale di Milano, facoltà giurisprudenza.
Si era, nel 1972 o forse 1973 e lei era forse la più giovane del corpo docente.
Ricordo che all'esame presi 30 e lode.

Blackswan ha detto...

@ Costantino: con qualche anno di differenza, allora, abbiamo condiviso le stesse emozioni :)

Annalisa Pugliese ha detto...

Secondo me, un testo senza nè capo nè coda.

Annalisa Pugliese ha detto...

Secondo me, un testo senza nè capo nè coda.