domenica 14 dicembre 2014

2014: UNA CANZONE AL MESE – SECONDA PARTE







Mese per mese le canzoni che hanno monopolizzato il mio l’ipod. Non necessariamente le più belle, non necessariamente appartenenti ai dischi migliori dell’anno: semplicemente quelle alle quali non ho saputo resistere e che per un motivo o per l’altro ho ascoltato con una certa insistenza. Ne sono rimaste fuori tante, ma i mesi sono solo dodici e ho dovuto necessariamente fare una scelta.

MAGGIO:

LYKKE LI – Love Me Like I’M Not Made Of Stone da I NEVER LEARN

Quando infatti Lykke riesce a dominare la materia, la scrittura si fa sincera, autentica, tradendo un disincanto e una disillusione che lasciano il segno…la ruvida disperazione di Love Me Like I'm Not Of Stone, la miglior canzone del disco e probabilmente la miglior ballad ascoltata quest'anno, sono di un livello qualitativo assoluto.






GIUGNO:

JACK WHITE – Lazaretto da LAZARETTO

Lazaretto, oltre a quanto già scritto poco sopra, ha il merito comunque di esibire una scaletta variegata e divertentissima, che alterna momenti ruspanti e riff impetuosi a suoni della tradizione e panorami di rilassata dolcezza…il funk-rock abrasivo della title track, che sorprende con un inusuale assolo di violino posto in chiusura di brano…






LUGLIO: 

RIVAL SONS– Good Luck da GREAT WESTERN VALKYRIE

Hard rock, rock blues e rock psichedelico sono il piatto del giorno: pietanze dal sapore antico ma cucinate a puntino da un gruppo di ragazzi che sa amalgamare alla perfezione gli ingredienti. Riff grassi e potenti, la voce graffiante e plantiana di Buchanan, ballatoni elettrici da far palpitare i cuori di chi è rimasto immobile nel tempo ai favolosi seventies…






AGOSTO: 

SPOON – Do You da THEY WANT MY SOUL

Un pò di rock, molto pop, reminiscenze beatlesiane, un generoso uso di synth, fanno di They Want My Soul un disco non coeso, ma estremamente versatile e intrigante, soprattutto in quei brani in cui prevalgono i chiaro-scuri sui colori e su cui aleggia un mood malinconico. Dieci brani in tutto, nessun filler, una canzone, Do You, da conservare fra le suggestioni più intense dell'anno.





Blackswan, domenica 14/12/2014


2 commenti:

Marco Goi ha detto...

lykke li e spoon...
due grandissime canzoni in un solo post di blackswan?
una cosa mai successa prima! ;)

Blackswan ha detto...

@Marco: ti rassicuro: non succederà più. Ne va della mia reputazione :)