domenica 4 gennaio 2015

2014: L’ECATOMBE DEL ROCK




Non so dire se ci siano stati altri anni così pesantemente esiziali per il mondo della musica, ma di sicuro il 2014 è stato un anno di grandi e dolorose perdite. Alcune eclatanti, come quelle di Johnny Winter, Tommy Ramone, Claudio Abbado, Joe Cocker, Jack Bruce e Pete Seger, altre che hanno fatto decisamente meno rumore, ma non per questo si sono rivelate meno importanti (Charlie Haden, Bobby Keys, Bobby Womack, Jess Winchester). Sfogliando Classic Rock di questo mese, potrete trovare l’elenco completo delle dipartite dell’anno appena trascorso: una lista di decessi impressionante, quasi un bollettino di guerra, che lascia sgomenti tutti gli appassionati. Li vogliamo ricordare anche noi, con un breve tributo d’affetto e un grazie infinito.


JOE COCKER


JOHNNY WINTER

PETE SEEGER

TOMMY RAMONE

CLAUDIO ABBADO

CHARLIE HADEN

PACO DE LUCIA

BOB CASALE

JACK BRUCE


Se ne sono andati anche:

PHIL EVERLY (la metà degli Everly Brothers)
BOBBY WOMACK (uno dei grandi del soul)
BOBBY KEYS (sassofonista dei Rolling Stones)
JIMI JAMISON (cantante dei Survivor)
SCOTT ASHETON (batterista degli Stooges)
JESSE WINCHESTER (songwriter)
JOHN GUSTAFSON (bassista dei Roxy Music e dei Quatermass)
DAVE BROCKIE (cantante dei GWAR)
DICK WAGNER (chitarrista di Alice Cooper)
DOC NEESON (cantante degli Angels)

e anche io, a essere sincero, non mi sento molto bene.






Blackswan, domenica 04/01/2015

5 commenti:

Salvatore Baingiu ha detto...

eh, tante tante perdite importanti. Per fortuna almeno la loro musica è immortale.

Harmonica ha detto...

'Na tragedia, sul serio. Purtroppo l'età e gli stravizi ti presentano il conto, speriamo bene ma temo che nel corso degli anni ne vedremo cadere diversi, ahimè. Colgo l'occasione per augurarti un buon 2015.

Evil Monkeys ha detto...

Secondo me non è un caso...e per un motivo semplice...il rock invecchia. Anzi è vecchio, almeno quello che fa (faceva) notizia. Ci aspettano anni peggiori.
ciao!

Granduca di Moletania ha detto...

Wagner alla chitarra era una bestia; Bruce per questione di ricordi ; Casale per l'originalità. Tutti quanti sono un colpo alle spalle, di un destino cinico e baro, mentre altri fetentoni sono ancora in tour.
Ma quello per cui sono più preoccupato, sei tu, caro amico mio: aspirina o sindrome da rientro al lavoro?

Un abbraccio e buon anno.

mr.Hyde ha detto...

..Anche Pino Daniele, che tutto, sommato, non era vecchio!