mercoledì 20 aprile 2016

CHARLES BRADLEY - CHANGES



Il nuovo disco di Charles Bradley, il terzo della sua breve e fulminante carriera, inizia con God Bless America, una sorta di ringraziamento gospel a questo grande paese, in cui, talvolta, sembra davvero possibile per chiunque realizzare i propri sogni. Che è poi quello che è successo a Charles Bradley, la cui carriera artistica, dopo tante tribolazioni, ha avuto inizio a sessant'anni suonati, quando, nel 2011, la Daptone Records (etichetta newyorkese specializzata in musica nera) ha pubblicato No Time For Dreaming, il suo album d'esordio. Prima, Charles Bradley, ne aveva viste di tutti i colori. Nato a Gainsville in Florida (concittadino di Tom Petty), il 5 novembre del 1948, abbandonato dalla madre a otto anni e cresciuto dalla nonna materna, Bradley ha il primo contatto con la musica soul nel 1962, quando sua sorella lo porta all'Apollo Theater per assistere a uno show di James Browne, prima e più rilevante fonte d'ispirazione per Charles. L'infanzia trascorsa in povertà, i mille lavori fatti, tra cui una decina d'anni passati dietro ai fornelli come cuoco, un grave problema di salute dovuto a una reazione allergica alla penicillina, la morte del fratello per mano del nipote, sono alcune delle tappe che hanno portato Bradley a un tardivo, ma fortunato, epilogo. Messo sotto contratto dalla Daptone, quando si faceva chiamare Black Velvet e suonava in piccoli locali o ai matrimoni, il sessantasettenne soul singer è uscito con il suo terzo full lenght in studio, che altro non fa che confermare quanto di buono avevamo già ascoltato nei due episodi precedenti. Changes, prende il nome da una ballata dei Black Sabbath (la trovate su Black Sabbath 4) che Bradley coverizza meravigliosamente, trasformando uno degli episodi più morbidi della metal band di Birmingham in un disperato ballatone soul. Reinterpretazione da applausi, come, peraltro, lo è tutta la scaletta di un disco che guarda alla grande musica nera targata Stax e Motown (oltre a James Brown, vengono in mente Sly Stone, Al Green, Otis Redding) ma riesce comunque a vestire abiti moderni grazie alla raffinata produzione di Thomas Brenneck, bravo a mettere in risalto la voce calda e graffiante di Bradley, e alla performance delle tre band presenti in studio: la Menahan Street Band (in cui Brenneck suona la chitarra), la Budos Band e le Gospel Queens di Naomi Shelton. Tra lentoni strappamutande (favolosa Good To Be Back Home, che si muove tra ritmiche hip hop e la sinuosa tromba jazzy di Dave Guy) e brani decisamente più tirati (il groove da impazzire di Aint' It A Sin), Changes si ascolta che è un piacere, lasciandoci in bocca un buon sapore di retro-soul e nel cuore la sensazione di aver ascoltato un disco ricco di genuina passione.

VOTO: 7,5





 Blackswan, mercoledì 20/04/2016

2 commenti:

Sally luna ha detto...

Perfetta per questo giovedì! ( e tutti i giorni a venire..) Catturata dalla voce e dallo sguardo espressivo di quest'uomo.

Blackswan ha detto...

@ Sally: il blues e il soul li canti al meglio con una vita travagliata alle spalle.