domenica 2 ottobre 2016

SUNDAY MORNIG MUSIC







Mark Lanegan - I'll Take Care Of You







Tanti si sono cimentati nella riproposizione questo brano di impareggiabile bellezza composto da Brook Benton ed eseguito per la prima volta da Bobby Blend nel 1959: Van Morrison, BB King, Elvis Costello, Beth Hart & Joe Bonamassa, Gil Scott-Heron. Lanegan lo sceglie per intitolare il suo quarto album solista del 1999 e ci regala una interpretazione da brividi. 


The Saints - Know Your Product 

 

 

La prima ondata dell’Aussie Punk fu caratterizzata da band leggendarie come Radio Birdman, Scientists, Victims e, naturalmente, i Saints di Brisbane che anticiparono tutti nel ’76 con (I’m) Stranded. Due anni dopo firmano con la EMI e volarono a Londra per registrare il loro secondo album Eternally Yours. Troveranno contratti da firmare ed inviti a Top Of The Pops, la furia originaria del Punk s’era già trasformata in industria. L’effervescente R’n’B contenuto in Know Your Product ben rappresenta il loro tentativo di andare oltre. Pezzo contagiosissimo!
 

The Black Angels – Evil Things

 

   

Tra le più interessanti band neo-psichedeliche in circolazione, i texani Black Angels arrivano oggi al decimo anno di attività (4 album e altrettanti Ep). Nel loro sound il meglio dei sixties: Elevators, Velvet e Doors. Uno di quei gruppi quindi da evitare come la peste per chi pensa che Arcade Fire e Daft Punk rappresentino il meglio sulla piazza. Affari loro, i Black Angels intanto continuano a scrivere grandi canzoni: Evil Things è una di queste. 


Porter Stout, Domenica 02/10/2016

 

 



4 commenti:

Bartolo Federico ha detto...

grandi canzoni, per una bellissima rubrica.
Bravo Nick.

Blackswan ha detto...

@ Bartolo: bravo Porter, semmai!

Porter Stout ha detto...

Sono io che ringrazio voi! Nick, che ha sposato con entusiasmo questa piccola rubrica settimanale, Bartolo, sempre gentile nei suoi interventi, e tutti gli altri amici del Killer che vorranno frequentarla.

Lucien ha detto...

Black Angels li ho visti a Ravenna all'epoca di Directions to See a Ghost. Bel concerto: il genere mi ha un po' stancato, ma restano una bella band.