sabato 9 settembre 2017

ELLES BAILEY - WILDFIRE (Outlaw Music, 2017)

Ci sono dischi che si recensiscono da soli, che sono talmente specchiati nella loro linearità, che basta un solo ascolto per tirarne fuori il succo e trasformarlo in parole. Non significa necessariamente che siano dischi brutti. Anzi, a volte la prevedibilità, accompagnata da passione e gagliardia, può dare comunque vita a risultati ottimi. E’ il caso, questo, del primo disco di Elles Bailey, ventottenne ragazze inglese, originaria di Bristol, che esordisce dopo anni di gavetta con Wildfire, album dagli immediati riferimenti, tanto semplici da cogliere che, come dicevamo, la recensione si fa da sé. Già, perché la ragazza, basta dare un’occhiata al suo profilo facebook o al suo sito per rendersene conto, esibisce con orgoglio le sue fonti di ispirazioni, che nascono lontano dalla terra d’Albione, e per la precisione in terra americana, da cui Elles attinge la passione per il soul, il rock e il blues. Il blues, soprattutto, è stato nel destino della Bailey fin dalla tenera età, quando, a soli tre anni, rimase affetta da una grave forma di polmonite virale. Una battaglia contro la malattia, vinta con difficoltà, ma fortunatamente senza strascichi, che le procurò, tuttavia, un prematuro arrochimento della voce, che fece dire allo specialista che l’aveva in cura: “Se Elles deciderà di cantare, avrà uno splendido timbro blues”. Previsione profetica, visto che la Bailey fin da ragazza ha scelto la strada del canto e ha sviluppato una viscerale passione per il blues. Oggi il suo sogno si realizza, con un full lenght, Wildfire, registrato interamente a Nashville, presso i Blackbird Studios e prodotto da Brad Nowell (da non confondersi con il compianto leader dei Sublime). In studio, Elles si è portata alcuni dei migliori musicisti del circuito nashvilliano, tra cui Brent Mason alla chitarra (già vincitore di un Grammy Award nel 2008), Bobby Wood al piano, Chris Leuzingher alla chitarra, Mike Brignardello (Lynyrd Skynyrd) al basso e Wes Little alla batteria. Un ensemble di strumentisti di tutto rispetto per una scaletta di canzoni dritte e dirette di rock blues ad alto contenuto di energia e svisate slide (la title track, Same Flame, Shacles Of Love, Let Me Hear You Scream) e ballatoni traboccanti passione soul (Believed In You), in cui la bella voce di Bailey sa come toccare le corde del cuore. Un disco cristallino nei propri intenti e nel proprio sviluppo derivativo e che, senza stupire o inventarsi nulla di nuovo, propone Elles Bailey come un volto nuovo del rock blues in quota rosa, al pari delle giovani Layla Zoe e Jo Harman e, perché no, della più affermata Beth Hart.

VOTO: 7





Blackswan, sabato 09/09/2017

2 commenti:

giuseppe ha detto...

noiosa inascoltabile

Blogger ha detto...

Are you looking for free Twitter Followers?
Did you know you can get these ON AUTO-PILOT AND ABSOLUTELY FOR FREE by getting an account on Like 4 Like?