domenica 5 novembre 2017

MARGO PRICE - ALL AMERICAN MADE (Third Man Records, 2017)

Il talento di Margo Price non si discute. Il suo Midwest Farmer’s Daughter, uscito lo scorso anno, non era solo un esordio straordinario, ma soprattutto un disco in cui la giovane cantautrice proveniente dall’Illinois riscriveva, con entusiasmo e sincerità, le coordinate del genere country; tanto che quell’arioso meltin’ pop di roots, rock e soul si avvicinava parecchio all’idea di cosmic american music di parsoniana memoria. Anche Weakness, Ep uscito durante l’estate di quest’anno, confermava l’ottima impressione del primo disco, pur non apportando al repertorio nessuna sostanziale novità. Le premesse, dunque, che All American Made fosse un ennesimo, importante, capitolo in una storia musicale breve, ma intensa, c’erano tutte. Invece, quella che appariva un’ascesa senza ostacoli ha, purtroppo, subito una brusca frenata. Questo sophomore non è un brutto disco, intendiamoci; tuttavia, rispetto al suo predecessore, paga debito in fatto di originalità e di freschezza. E come se la Price avesse preferito tirare il freno a mano e arrestarsi in una sorta di “comfort zone”, in cui è la tradizione a farla da padrona e gli azzardi vengono pressoché azzerati. Non è un caso, allora, che la stampa americana stia letteralmente impazzendo per questo secondo full lenght, riproponendo i consueti paragoni (forse eccessivi, ma senz’altro coerenti) con le grandi voci del passato, che portano il nome di Loretta Lynn e Dolly Parton. Alle nostre orecchie europee, di sicuro meno abituate all’ortodossia country, All American Made, pur apprezzabile nei suoi intenti di analisi politica (è, ovviamente, Trump la fonte di ispirazione al negativo), suona abbastanza scontato e privo di quel mordente che ci saremmo aspettati. Tutto, infatti, suona prevedibile e perfettamente in linea con i codici estetici che regolano il genere: produzione classica, arrangiamenti rigorosi, band tecnicamente inappuntabile e la voce di Margo, questa si, davvero notevole, a evocare scenari che hanno lontanissime origini. Non sfugge, però, la sensazione di essere di fronte ad un’artista che vorrebbe uscire dagli steccati di genere ma che preferisce adattare il suo songwiting, potenzialmente esplosivo, a un contesto dove prevale, invece, la calligrafia. Così, ad esempio, Pay Gap, che riflette con acume sulle differenze fra uomo e donna nella società odierna, è una straordinaria fotocopia di quello che Patsy Cline cantava qualche decennio fa: non c’è una sbavatura, la scrittura è pulitissima, ma manca quel quid ruspante che ci fa battere il cuore per l’emozione. Anche Learning To Loose, duetto con il grande Willie Nelson, pur essendo una gran bella canzone, resta imbrigliata nel clichè stereotipato dell’interplay fra soprano e baritono. Meglio, allora, la conclusiva title track, dolente ballata di americana in purezza, in cui la Price riflette sulla deriva etica del proprio paese, sovrapponendo la musica al campionamento delle voci di alcuni dei protagonisti della scena politica americana (Nixon, Trump, Clinton, etc). La miglior canzone di una scaletta dal suono classicamente nashvilliano, coraggiosa nell’affrontare senza filtri scottanti temi politici, ma priva nella sostanza di quegli high lights che ci avevano fatto amare visceralmente Midwest Farmer’s Duaghter.

VOTO: 6,5





Blackswa, domenica 05/11/2017

1 commento:

Blogger ha detto...

eToro is the most recommended forex trading platform for new and professional traders.