giovedì 2 maggio 2019

LEELA JAMES & THE TRUTH BAND - ARE YOU READY? (eOne Music, 2019)

Talvolta, un’artista sente il bisogno di cambiare, anche se gode di notevole fama e ha alle spalle una carriera di tutto rispetto. E’ il desiderio di mettersi alla prova fuori dalla comfort zone, di osare per provare a giocare una partita diversa, oppure semplicemente la voglia di realizzare un progetto che hai tenuto nel cassetto a lungo, senza trovare le condizioni per realizzarlo.
E’ quello che evidentemente è successo a Leela James, losangelina, classe 1983, e una delle figure di riferimento della scena soul e r’n’b americana. Sei dischi all’attivo, tra cui il celebrato esordio A Change Is Gonna Come del 2005 (con evidente omaggio a Sam Cooke), il successo commerciale di My Soul del 2010 (primo album sotto l’egida Stax) e un disco tributo a Etta James (Loving You More…In The Spirit Of Etta James del 2012), che hanno certificato un costante e crescente successo commerciale e trasformato Leela in una delle figure più accreditate della contemporary black music. 
Con Are You Ready?, però, la singer songwriter californiana spiazza tutti e vira decisamente verso sonorità dal piglio rock blues. Non è più solo Leela James, ma è diventata la frontwoman della Truth Band, agguerritissimo combo composto dal chitarrista Jairus "JMo" Mozee, dal bassista Eric Ingram e dal batterista David "Dae-Dae" Haddo. Un side project, che il tempo ci dirà se figlio di una voglia estemporanea oppure il prodomo di qualcosa di più importante, con cui la James possa dare sfogo alla sua, evidentissima a questo punto, passione per il rock.  
Are You Ready, è infatti un Ep di sole sei canzoni (ma due sono semplici intermezzi che fanno da collante fra le altre) che girano intorno a un rock blues di matrice hendrixiana (ascoltate come suona Jairus Mozee), in cui la James smette i panni della raffinata soul singer, per vestire quelli di graffiante panterona, che ruggisce con una voce roca alla Tina Turner e stupisce con la sfrontatezza aggressiva di Betty Davis.
La sensazione è che queste canzoni siano frutto di un momento di estrema complicità e di divertimento, e nascano da registrazioni in cui gli strumenti corrono sbrigliati col passo della jam e dell’improvvisazione, senza alcun lavoro in fase di post produzione. 
Get Down è un evidente omaggio a Jimi Hendrix, groove funky e assolo che spinge sul pedale wah wah, replicando quel suono che il chitarrista di Seattle rese leggendario. I’m Out! è un torrido blues a lenta combustione segnato dal graffio profondo della voce della James, mentre la conclusiva I Still Believe si dispiega più morbida su un bel drive di chitarra e sulla voce gonfia d’umori della cantante losangelina. Il botto, però, arriva con That Woman, hard rock blues sanguigno e dalle stigmate hendrixiane, in cui la foga belluina della James si sbrana letteralmente la canzone con una performance tanto feroce quanto appassionata.
Un dischetto breve ma intenso, il cui unico difetto è quello di racchiudere in solo diciotto minuti una musica che ci sarebbe piaciuto ascoltare almeno per un’ora. E’ probabile che dopo questa veloce incursione nel rock blues, Leela James torni al suo consueto mood. Ma se in futuro decidesse di replicare, poco ma sicuro, saremmo qui ad attenderla a braccia aperte. 

VOYO: 7





Blackswan, giovedì 02/05/2019

Nessun commento: