martedì 21 agosto 2012

DREAMING ON MY OWN !


Non so cosa mi stia succedendo, senza dubbio questo caldo infernale , che ci graticola lentamente , dà il colpo di grazia, ma io non riesco a dormire in nessun luogo, a nessuna ora , se non per brevissimi periodi di tempo. E non mi è mai successo. Io che sono una "pisola " per eccellenza, non tanto per le ore passate con Morfeo, ma proprio perchè ogni luogo, ogni momento era buono per recuperare. Non è più così, brancolo nel vuoto , insieme alla mia influenza virale e sono qui in Killerania, per far fuori un pezzo di intestino che mi procura non pochi guai. Cliniche perfette, quanto rapide in questo luogo, metodi spicci e definitivi e sono già fuori , sperando nel meglio....Ora tutto questo che caspita c'entra , direte voi con ragione, ma tutto sommato è pertinente. Mi viene in mente quando riuscivo a dormire anche a bagno, i miei innumerevoli spostamenti di fuso orario, treni, aerei, ore spezzate, jet-lag, ma io con il mio amatissimo zaino, sempre fiera di essere acciaccata , ma presente. Quante volte ho dormito ad un concerto? E' impossibile , direte voi... No, è possibilissimo! Anche se spesso suonavano dei miei beniamini , io grandi o piccole "pise " le ho fatte!" Appoggiata al mio solido zaino, reclinavo un pochino la testa e partivo per altri lidi. A volte erano viaggi brevi, ma a volte erano vere e proprie trasvolate. Ne ricordo due storiche , perchè poi l'impiccio era scrivere la recensione, anche se molti titolati giornalisti, scrivevano scalette di concerti inesistenti e le commentano pure. Ma io non appartenevo alla categoria dei titolati! Veniamo al dunque. Il concerto di Eric Clapton era il primo concerto italiano di questo chitarrista considerato "un Gesù Cristo " sceso in terrra per la sua abilità , che fece tappa a Genova e poi a Roma nel 1983. Era un bel maggio, come in Liguria sa essere , tiepido e piacevole e io arrivavo da Oslo , coperta dalla testa ai piedi , come Totò e Peppino al loro arrivo a Milano, ma senza colbacco di pelliccia... Il concerto si svolgeva sempre al famoso "Palazzetto dello Sport" che ha la prerogativa di avere una pessima acustica, ridotta a pochi frammenti musicali a seconda del posto occupato. Io ero tra i fortunati , potevo sentire bene , ma questo non bastava. Slowhand era in forma smagliate , i suoi riff, i suoi blues entusiasmanti, ma tutto questo non bastò. Non bastò nemmeno il tafferuglio di quei pochi di buona volontà che stavano registrando i bootleg , io quasi ipnotizzata dalle sue mani e vi dò un consiglio, osservatele molto bene sono le mani più belle che io abbia visto, ma malgrado tutto caddi in trance e mi svegliai, non voglio giurare a fine concerto. Cosa potevo scrivere , una musica per sognare? Senza dubbio sarebbe stato veritiero , ma non ero stata inviata per questo, e come sapete esiste la provvidenza. Uno degli addetti alla registrazione del concerto, mi spiegò un po' il tutto, segnai la scaletta , deliziosamente fantastica e ricca di atmosfera , con canzoni come Layla, Cocaine ed infinite altre , io le avevo perse o chissà , magari sentite nel mio subconscio.Mi invitarono a sentire la cassetta che durava circa 45 minuti, ma preferii seguire la strada di casa , scaricare il mio sacco e , se avevo ancora un po' di forza, buttarmi sul primo letto che trovavo. Anch'io avevo provato l'ebbrezza dei grandi : scrivere senza sentire...E non finisce qui. Il seguito alla prossima, se ne avete voglia!



NELLA, martedì 21/08/2012

12 commenti:

m4ry ha detto...

Cara Nella, siamo in tanti ad avere qualche problemino con il sonno nell'ultimo periodo. Per quanto mi riguarda è un "ultimo periodo" che ormai va avanti da qualche mese. Vado a letto tardi, mi sveglio presto e dormo in modo discontinuo...pazienza :)
Non sono mai stata una dal sonno facile e ovunque, ma nel mio letto, ci dormivo almeno 7 ore a notte !
Mi hai fatta ridere un sacco con questo post. Fantastico..scrivere e raccontare senza sentire..in alcuni casi non sarebbe male, ma in questa circostanza è stato un vero peccato :)
Anche io sono affascinata dalle mani, e casualmente, qualche giorno fa, mi sono imbattuta in una foto delle mani del bassista degli ZU..davvero notevoli :)
Bacio grande e riprenditi presto dalla tua influenza !

S. ha detto...

Penso che abbia ragione m4ry, abbiamo troppi pensieri...
poi il caldo e per finire se hai anche problemini virali...l' autunno, per quanto lo ritengo triste, penso che mai sia stato tanto atteso...pero' dai addormentarsi con Eric??
:) ciao Nella alla prox

cristiana2011 ha detto...

Eric o non, qui hai fatto un pezzo veramente sentito e speciale.
Cristiana

nella ha detto...

Per MARY = carissima ben tornata...io a differenza tua , non ho mai avuto problemi di sonno. Ovunque , dovunque e a qualsiasi ora... Ma come puoi vedere anche in questo si può cambiare!Andrò subito a cercare un primo piano delle mani del bassista degli Zu , hai visto mai ? Vincerà su Eric?... Un abbraccio megagalattico!

nella ha detto...

Per S. = Si, amica cara il caldo non aiuta di certo , ma io non ho mai avuto simili problemi , e ora appartengo alla schiera dei più. Mettiamoci pure qualche pensieruccio non da poco, rotture varie e il quadro ha anche la cornice... Un bacio!!

nella ha detto...

Per CRISTIANA = amoruccio mio bello , con il tuo complimento mi fai incominciare una giornata non proprio facilina( lo so già) nel migliore dei modi! Un sincero ringraziamento e un abbracciotto...

El_Gae ha detto...

I grandi scrivono senza aver ascoltato, è vero e quindi tu sei grande (questo pezzo ne è una prova). Però, che cacchio, ti sei persa Clapton, ma come si fa? :)

nella ha detto...

Per ELGAE = mio caro nuovo amico, io una grande ? Proprio no..diciamo sono una media, sei troppo generoso te ne ringrazio e mi fa pure piacere.Eh, si mi sono persa Eric( e non solo...) ma ho avuto modo di rifarmi in seguito! Un caro abbraccio e grazie!

Adriano Maini ha detto...

Quante cose mi si incrociano qui, Nella! A prescindere dalla bella musica (Cocaine me la ritrovo puntuale nel lettore CD dell'auto) la Oslo dove all'epoca stava già il mio amico G. e le mie pisolate (ma solo con gli occhi: non mi sfuggiva niente o poco) in certi barbosi meeting d'antan!

nella ha detto...

Ciao ADRIANO carissimo , che piacere mi fa il sentire che anche tu qualche volta sei potuto cadere in catalessi...Un bacio enorme!

Irriverent Escapade ha detto...

Ops Nella....credo che addormentarsi con Slow Hand non sia poi uno dei peccati piu' gravi, ah ah. Poi, vedi che la fortuna che arride agli audaci e' stata dalla tua;-)

nella ha detto...

Per IRRIVERENT ESCAPADE = ahahaha.. e infatti mi hanno assolto dopo un rosario di preghiere!!!! Si dice che la fortuna arrida agli audaci, per quanto mi concerne , arride agli incoscienti!!! Smackkone....