mercoledì 27 giugno 2012

ROCK PILLS

MALTED MILK - GET SOME
Genere : Funk, Blues, Soul
Strano a dirsi ( e ad ascoltarsi ), ma questi Malted Milk non  vengono da qualche metropoli statunitense come San Francisco o Detroit ma da Nantes, capoluogo della Loira. Strano, perchè le dieci canzoni di questo frizzantissimo cd non hanno nulla di europeo, ma richiamano alla mente il meglio della produzione musicale afroamericana. Funk anni ' 70 ( l'inizio esplosivo di Human Wave ), blues pompati, ballatoni soul stracciamutande ( Sweet Baby ) e qualche chiarore pop-dance che non dispiace affatto. Il tutto condito da un uso predominante di affilatissime chitarre elettriche e da eleganti arrangiamenti che nulla tolgono a un sound che resta sempre energico e divertito. D'altra parte, questa è gente che ha fatto da spalla al boss del blues, Big Joe Turner, ed è stata finalista, nel 2007, del Menphis International Blues Challenge. Mica pizza e fichi. Golosissimo.
VOTO : 7,5
CRY BABY AND THE HOOCHIE COOCHIE BOYS - SWEET THING
Genere : Rock-Blues

I Cry Baby And The Hoocie Coochie Boys condividono con Slash i natali musicali, dal momento che anch'essi provengono dall'area di Stoke on Trent, contea dello Staffordshire, Inghilterra. Il genere però si discosta notevolmente dalla muscolare proposta hard rock del capellone ex Guns 'n Roses, dal momento che questo sestetto, capitanato dal chitarrista e cantante Graham Sells, suona, senza troppi compromessi, un blues venato di classicismo e di anni ' 70, che non disdegna, qui e là, qualche sfiziosa influenza southern. Sudato, grintoso e grezzo quanto basta, Sweet Thing avvincerà tutti li amanti del genere.

VOTO : 6,5
U2 - U22
Genere :Power Pop

E' un problema solo mio probabilmente, ma da tempo non seguo più con passione le vicende del combo irlandese. Anzi, sono convinto che se gli U2 fossero spariti una ventina di anni fa, dopo la pubblicazione del bellissimo Achtung Baby, sarebbe stato meglio per tutti. Loro avrebbero mantenuta intatta la gloria imperitura acquisita sul campo grazie ai primi quattro, inarrivabili, dischi, e noi ci saremmo risparmiate tante, altrettante inarrivabili, ciofeche. Che la band di Bono Vox, da tempo impegnato a predicare piuttosto che a comporre belle canzoni, sia una formidabile macchina da guerra, nessuno lo può mettere in discussione, e i loro mastodontici live multimediali, U22 compreso, non smettono di ricordarcerlo. Nè si può pretendere che un gruppo di ben pasciuti e imborghesiti cinquantenni possa ancora esibire la stessa urgenza espressiva di capolavori combat rock del calibro di War. Ma oramai, è da tempo che, quella che fu una delle più grandi gruppi rock del pianeta ( almeno fino all'autoreferenziale avventura americana ), continua a rimasticare il solito frusto clichè di un power pop buono per gli stadi e per le classfiche da MTV. Che cos'è dunque U22 ? Nient'altro che un greatest hits live, suonato dai nostri quattro con impiegatizia professionalità, cantato benissimo da un Bono che, istrione, gigioneggia, omaggiando addirittura Frank Sinatra, e mixato con perizia certosina.Tutto perfetto, virgole comprese, e privo di sbavature. Di cuore, sudore, rabbia, sporcizia, e qualunque altra cosa che abbia a che fare con il rock, nemmeno l'ombra. E così, alla fine dell'ascolto, si incassano le stesse emozioni procurate da una passeggiata fra il reparto detersivi di un supermercato discount. Meglio allora rispolverare Under A Blood Red Sky, coi suoi suoni grezzi e le stonature di The Edge in versione Guitar Hero. Era tutta un'altra storia. Si chiamava passione.


VOTO : 5
Blackswan, mercoledì 27/06/2012

13 commenti:

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

io ne avevo già basta degli U2, adesso visto che se no non sono megalomani abbastanza hanno fatto pure un disco live chiamato U22?

bono, a ritirate! :)

Bartolo Federico ha detto...

gli U2 non li ascolto da anni. ti confesso che anche i loro vecchi dischi, non mi dicono più niente.ci sarebbe da fare un post su quei dischi che abbiamo tanto amato, ma che un bel giorno scopri che ti stanno sulle palle.

Elle ha detto...

La copertina di Sweet Thing trae in inganno: a prima vista mi era sembrata una scena da religioni misteriche, ma il ritmo della canzone sembra tuut'altro..
Comunque io mi prendo i Malted milk e via :) Gli U2 poveretti non mi hanno mai attirata..

nella ha detto...

Graziamno un po' gli U2 e facciamoli arrivare fino a " The Joshua Tree" , vah... E' troppo? Nooo, un po' di generosità, après le dèluge... Grazie mio caro per le altre dritte... Magica serata!

Lucien ha detto...

MALTED MILK ottimi da viaggio coi finestrini abbassati a tutto volume!

U222 ormai da tempo su un piano inclinato senza ritorno.

La firma cangiante ha detto...

Gli U2 non me li sono mai cagati più di tanto, certo bei pezzi nel loro repertorio storico ne hanno, però il loro successo galattico mi è sempre sembrato esagerato.

S. ha detto...

Cioè tu conosci i Malted Milk ...sei un mito :) adesso lo posso confermare :)
Ciao Nick

S. ha detto...

p.s. Senza saperlo tu mi hai fatto un regalo :) e proprio stasera *_* merci

Mary ha detto...

Gli U2 non mi hanno mai entusiasmata. Ammetto che agli inizi della loro carriera hanno tirato fuori pezzi bellissimi..ma poi, secondo me, hanno cambiato strada..e perso buona parte di quella che era la loro caratteristica iniziale.
I Cry baby ( ecc ), così, al primo ascolto non mi piacciono molto..
I Malted Milk, secondo me, sono straordinari. Un disco che fin dal primo ascolto mi è piaciuto tutto e subito. Ha un ritmo che ti si infila nella mente e ti ritrovi a canticchiare pezzi di canzoni e ritornelli. Un disco che merita di essere ascoltato :)

Irriverent Escapade ha detto...

La scoperta più piacevole di questo post è scoprire quanta gente non sopporta gli U2 (con menzione speciale, in negativo, per il predicatore Bono).

Ben felice anche di vedere l'apprezzamento per i Malted Milk (che non sono certo una novità)

Adriano Maini ha detto...

Guarda caso sugli U2 la penso più o meno così anch'io! Interessante, poi, il primo gruppo.

Blackswan ha detto...

@ Marco : che dici ? Un filo di delirio di onnipotenza ? :)

@ Bartolo : io li ascolto per scoprire come andrà a finire.Però i loro primi dischi non li rinnego.Li tengo in libreria a prendere polvere :)

@ Elle : ottima scelta ! A me divertono tantissimo ! :)

@ Nella : per me sono morti alla prima canzone di The Joshua Tree, il disco del tradimento.Achtung Baby, però, è un capolavoro.Poi, basta.

@ Lucien : Malted Milk a pompa sullo stereo della macchina da ottime suggestioni :)

@ Firma : concordo. Però, non dimentichiamo che è il taglio commerciale a vincere sempre.

@ S. : felice per il regalo a mia insaputa :)Spero di potertene fare altri in futuro.

@ Mary : concordo sui Malted Milk, un disco divertentissimo, pronto per l'estate :)

@ Irriverent Escapade : sembra strano, ma è così. Io li ho amati molto quando erano giovani e forti.Poi sono mmorti.Amen.

@ Adriano : buongustaio :)

metiu (casalingo disperato) ha detto...

io avevo trovato qualcosa di bello fino a rattle and hum. poi è calato il sipario. e, dico la verità, con mio dispiacere.
ormai me ne sono fatto una ragione.
a volte penso che la grande ispirazione, la grande forma artistica, non possa mai durare più di 10-15 anni al massimo.
ciao black!