venerdì 1 novembre 2013

MIDLAKE - ANTIPHON




Mai guardarsi dietro, se vuoi continuare ad andare avanti. Perchè se ti volti, vedi quello che sei stato e provi a esserlo di nuovo, sei fottuto. L’antica gloria, purtroppo, non torna mai, puoi solo lottare per crearne di nuova o rassegnarti a una vita mediocre. Questo preambolo racconta succintamente ciò che è accaduto a Tim Smith, splendida voce della band texana dei Midlake, che ha lasciato il gruppo perché non riusciva a sopportare il peso di un passato troppo ingombrante. D’altra parte, se componi un album capolavoro come The Trials Of Van Occupanther (2006), disco tra i migliori in assoluto di questo inizio secolo, diventa difficile misurarsi con l’incapacità di riprodurne uno uguale. Ci provi, certo, ci provi così tanto che l’album successivo, The Courage Of Others (2010) è talmente elaborato da apparire solo una imbolsita controfigura del precedente. E anche se vendi un botto e i fans continuano ad adorarti, tu lo sai, in fondo al cuore, che non riuscirai mai più a scrivere una canzone tanto bella come lo era Roscoe. Meglio andarsene, allora, e abbandonare la tua creatura per andare  alla ricerca di una nuova dimora artistica. Oggi i Midlake tornano con un quarto lavoro in studio, senza più Tim Smith alla voce. Le redini del gruppo le afferra saldamente il chitarrista Eric Pulido, che si ritaglia, senza demeritare, il ruolo di nuovo vocalist della band. Pulido non ha certo il timbro evocativo e fortmente malinconico di Smith, ma sa il fatto suo e non fa rimpiangere l’assenza dell’ex frontman. E questo è un po’ il leit motiv che anima Antiphon : dieci canzoni nuove, scritte e registrate in sei mesi, che rappresentano per il gruppo una sorta di anno zero, le fondamenta su cui costruire il futuro, dimenticando ciò che è stato. Sotto quest’ottica ed evitando paragoni con il già citato The Trials Of Van Occupanther, Antiphon è un disco più che discreto, e se fosse il lavoro d’esordio di una giovane band, nessuno mai, come invece è successo, si prenderebbe la briga di stroncarlo. Tra l’altro, questa volta, la proposta è leggermente diversa, visto che il nuovo corso prevede oltre al folk rock a cui ci eravamo abituati in passato, anche una buona dose di prog. Non quello pomposo e sinfonico di certe cose anni ’70, quanto piuttosto un prog connotato dai colori pastello che fanno venire in mente addirittura alcune canzoni di Trespass, primo album (serio) dei Genesis, datato 1970 (ascoltate il flauto e i cimbali di Aurora Gone e sappiatemi dire). Certo non tutto ragggiunge l’effetto sperato (Ages, ad esempio, si impantana in una psichedelia prolissa che fa calare la palpebra), nulla in scaletta fa gridare al miracolo, ma le belle canzoni ci sono, eccome. The Old And The Young, col giro di basso alla Doors (Roadhouse Blues) che sorregge una melodia malinconicamente orecchiabile produce un bel effetto straniante, né dispiacciono brani solidi come l’iniziale title track, e la successiva Provider, con uno splendido lavoro alla ritmica da parte di Paul Alexander (basso) e Mckenzie Smith (batteria). Insomma, i nuovi Midlake probabilmente non raggiungeranno mai più le vette sublimi di The Trials… né quella sfaccettata alchemia malinconica che rendeva unici al mondo i languori di Young Bride e In This Camp. Eppure, anche senza Tim Smith, il gruppo è riuscito ad accantonare il passato, a costruirsi una nuova identità e a rimettersi in gioco con convinzione. Capita l’antifona ?

VOTO : 6/7




Blackswan, venerdì,  01/11/2013

4 commenti:

Nella Crosiglia ha detto...

L'antifona l'ho capita caro il mio Blackswan, ma il gruppo non lo ricordavo affatto...
Grazie come sempre per le tue esaurienti delucidazioni...
Magic time and stay hard!!!:::)))

Alla Base ha detto...

Questi li conosco! I Midlake sono bravissimi e, a differenza di molti, adoravo la loro "Act of men"
Vedi: http://www.youtube.com/watch?v=fcHVYrcb6As

monty ha detto...

Aspettavo con ansia il seguito di
The courage of others,
ma quando ho saputo dell'uscita dal gruppo di
Smith ogni hype è crollato.
A giudicare dalla tua recensione
non sbagliavo

Blackswan ha detto...

@ Nella : è un peccato. vatti a recuperare The Trials Of Van Occupanther, ne vale davvero la pena.

@ Alla Base : tutti i loro dischi fanno bella mostra nella mia discografia.A me piacciono davvero tanto.

@ Monty : un disco di transizione, non all'altezza dei precedenti, ma tuttavia godibilissimo. Certo, la voce di Smith era di un altro pianeta.