venerdì 23 dicembre 2016

2016 AL CINEMA: IL MEGLIO PER IL KILLER





Julieta di Pedro Almodovar: il tema della colpa, il consueto universo femminile, una regia che si ispira a Hitchcock. Il film più bello di Almodovar dai tempi di Tutto Su Mia Madre.




Il Club di Pablo Larrain: un film duro, feroce, che non fa sconti. Una discesa negli abissi dell’abominio umano, un faccia a faccia col male assoluto, che lascia sgomenti e senza parole.




Sully di Clint Eastwood: L’ennesimo, grande film di Eastwood.Tratto da una storia vera, Sully racconta, attraverso la magistrale interpretazione di Tom Hanks, un uomo comune che, suo malgrado, diventa eroe. Né guerre da combattere o fucili da imbracciare, ma solo il coraggio di assumersi le responsabilità che derivano dai propri doveri.




Truman di Cesc Gay: una deliziosa commedia sull’amicizia interpretata dagli strordinari Ricardo Darin e Javier Camara. Vincitore al San Sebastian Film Festival.




Il Caso Spotlight di Thomas Mc Charty: un film classico e rigoroso, che racconta con coraggio e senza sconti lo scandalo che travolse la diocesi di Boston all’inizio del nuovo millennio. Un pugno di attori credibili ed efficaci, tra cui spicca un Michael Keaton in stato di grazia.




Il Figlio di Saul di Laszlo Nemes: Nell’inferno di Auschwitz, un padre cerca di dare degna sepoltura al proprio figlio morto in una camera a gas. Celebrare la morte per dare un senso alla vita. E’ il film definitivo sulla Shoah.





IL MEGLIO PER PORTER STOUT:


Il Figlio di Saul di Laszlo Nemes



The Hateful Height di Quentin Tarantino




Microbo e Gasolina di Michel Gondry




The Martian di Ridley Scott




Il Condominio dei Cuori Infranti di Samuel Benchetrit






Blackswan, venerdì 23/12/2016

4 commenti:

Lucien ha detto...

Il Condominio dei Cuori Infranti l'ho messo anch'io nella lista dei migliori: stralunato e geniale.

James Ford ha detto...

Il club e Sully meritatissimi, per il resto tutte ottime scelte, almeno per quello che ho visto.

Marco Goi ha detto...

A parte Julieta, una serie di film che ho trovato sopravvalutati e/o mortalmente soporiferi.
Non c'è niente da fare Killer, oltre che in campo musicale, pure in quello cinematografico abbiamo gusti del tutto opposti. Forse persino più che con il mio nemico Ford. E non è una cosa da tutti. :)

Blackswan ha detto...

@ Lucien: a me ancora manca, ma mi sono comprato il dvd per Natale.

@ Ford: Il Club è un filmone e credo che questo sia l'anno di Larrain, che non sbaglia un colpo.

@ Marco: Lo prendo come un complimento e motivo di vanto :)