mercoledì 15 marzo 2017

TERRA LIGHTFOOT – LIVE IN CONCERT (Sonic Unyon Recording, 2017)



Terra Lightfoot, da tempo ormai, cammina sul quel sottile confine che separa i sobborghi dell’indie dai più rigogliosi territori mainstream: popolare in Canada, suo paese d’origine, oggetto di interesse nei vicini Stati Uniti, semi sconosciuta dalle nostre parti, ancorché artista di culto da parte di una ristretta cerchia di appassionati. La ragazza, come testimoniano i due dischi fino ad oggi pubblicati (Terra Lightfoot del 2011 e Every Time My Mind Ruins Wild uscito nel 2015) ha davvero tutti i numeri per imporsi a più alti livelli: possiede una voce potente, suona con consumata maestria la Gibson SG (suo segno distintivo) e vanta un songwriting maturo e articolato. Ma è probabilmente la dimensione live che la chitarrista originaria di Waterdown predilige, avendo inanellato tra il 2015 e il 2016 una lunghissima serie di concerti in giro per il mondo (a settembre arriverà anche in Europa, ma purtroppo non in Italia) che le sono valsi l’ambito Road Gold Certification, un premio che in Canada viene consegnato a chi è riuscito a vendere oltre venticinquemila biglietti. Rientra, pertanto, nell’ordine delle cose che la Lightfoot, nonostante una carriera in solitaria di poco più di un lustro, decida di pubblicare il suo primo album dal vivo. Live In Concert, uscito a febbraio via Sonic Unyon, contiene la registrazione di due serate tenutesi presso LiveLab della McMaster University di Hamilton, sulle sponde del lago Ontario. A rendere particolari le nove canzoni che compongono la scaletta del disco è la presenza della National Academy Orchestra of Canada, diretta da Boris Brott. Una scelta, questa, che probabilmente farà storcere il naso a quanti temono l’eccesiva pomposità del suono orchestrale, ma che in realtà si rivela vincente, grazie ad arrangiamenti dinamici, freschi e, davvero, mai invadenti. La proposta della Lightfoot, dunque, non viene stravolta né inficiata da eccessi barocchi, e il suo roots rock, accompagnato da archi e fiati, suona meravigliosamente bene sia quando si tinge di soul (la pimpante No Hurry) sia quando, in See You In The Morning (con il contributo di Angus MacDonald), sfodera in perfetta simbiosi la grinta delle chitarre e un delizioso ritornello colorato di pop. Un disco riuscito, frizzante e divertente, che permetterà a tutti coloro che ancora non conoscono Terra Lightfoot di accostarsi con soddisfazione alla talentuosa artista canadese.

VOTO: 7





Blackswan, mercoledì 15/03/2017

3 commenti:

La firma cangiante ha detto...

Come già sai ho apprezzato moltissimo :)

Blackswan ha detto...

@ Firma : certo :)

Blogger ha detto...

eToro is the best forex broker for beginning and established traders.