sabato 25 aprile 2015

RESISTERE, RESISTERE, RESISTERE










Sono passati settant’anni da quando i nostri partigiani e l’esercito alleato hanno liberato l’Italia dal gioco nazifascista. Settant’anni in cui la nostra imperfetta democrazia e la nostra bellissima Costituzione sono sopravvissute a tutto e a tutti: ai tentativi di golpe, a Gladio e alla P2, alle stragi dei servizi deviati e agli omissis, al terrorismo di destra e di sinistra e alle mafie di Stato, alla cupidigia dei politici, alla logica della corruzione  e al ventennio berlusconiano. Ferita, claudicante, umiliata, l’Italia democratica ha trovato sempre le risorse e la forza per smarcarsi da ogni deriva autoritaria. Oggi, invece, stiamo correndo il rischio concreto di essere privati del nostro ordinamento costituzionale e dei nostri diritti civili e politici. Il governo Renzi (uno che agli occhi della Storia riuscirà a riabilitare persino Berlusconi), senza alcuna legittimazione popolare (nessuno lo ha mai eletto e il 40% di voti alle Europee, visto l’astensionismo, è in realtà un 20%), sta mettendo pesantemente mano alla nostra Costituzione: il combinato disposto fra Italicum (liste bloccate e premio di maggioranza alla lista) e riforma del Senato (anche qui senatori nominati) creerà i presupposti per una Repubblica Presidenziale in cui “un solo uomo al comando “ deciderà tutto per tutti. Questo "golpe bianco" avverrà in un contesto in cui il cambiamento in peius della nostra democrazia è già in atto, dal momento che Renzi si è scelto il Presidente della Repubblica (al momento silente, nonostante l’illegittimo allontanamento della minoranza PD dalla commissione Affari Costituzionali della Camera),  si è impossessato di gran parte dell’informazione, ha esautorato le parti sociali, sta riformando la Giustizia per colpire l’indipendenza della Magistratura e replica pedissequamente i dictat dell’Unione Europea, infischiandosene dei bisogni primari dei cittadini. Se la riforma della legge elettorale passerà, e salvo miracoli, passerà (la sinistra del PD è composta di nani tremebondi e Renzi dovrebbe avvantaggiarsi del soccorso Verdini – fai un po’ te), saremo tutti chiamati a una nuova prova di Resistenza. Il primo appuntamento saranno le elezioni regionali di fine maggio: col nostro voto potremo ricacciare indietro Renzi e le truppe cammellate di un PD che, in un anno di governo, ha fatto più disastri di quanti ne abbia fatti Berlusconi in vent’anni. Siamo ancora in tempo, ma dobbiamo sbrigarci.




Blackswan, sabato 25/04/2015

7 commenti:

Bartolo Federico ha detto...

Caro Nick, questa gentucola non avrà il nostro scalpo.

Bartolo Federico ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
cristiana2011 ha detto...

Dici bene, ci troviamo di fronte sd una nuova 'resistenza'.
Questo tuo post andrebbe esposto nelle piazze.
Buon 25 Aprile!
Cristiana

La firma cangiante ha detto...

Purtroppo io non riesco più a vedere sprazzi di speranza e ottimismo, è ormai quasi inutile anche solo supplicare la gente di non votare questo... guarda, non so neanche come definirlo senza insultarlo pesantemente. Purtroppo temo che la situazione più probabile sarà una nuova vittoria di questo PD di destra, la gente che ancora ha i suo piccoli (o grandi) privilegi se ne sbatte le palle di tutti gli altri e si tengono ben stretto quel po' di garantito che questo PD ancora non tocca (statali, etc..). Come popolo siamo purtroppo sempre troppo supini.

La firma cangiante ha detto...

Comunque ottimo post che riassume al meglio l'attuale e triste situazione.

Haldeyde ha detto...

Non so che dire Blackswan: sai che io l'ho votato e me ne sono disamorato in fretta per le ragioni che tu perfettamente riassumi. D'altronde, sotto sotto, credo che ad un popolo bue troppa democrazia faccia male. Non sono cose da dire mentre si commemora la Liberazione, ma con la classe politca che abbiamo avuto negli ultimi anni l'Italia stava marcendo. Tanto vale vedere come va a finire con 'sto bischero.....

Ezzelino da Romano ha detto...

Bella ciao!